29.08.2018  11:04

Discarica, il Pd di San Giovanni: "Noi sempre coerenti, la Lista civica si decida a collaborare"

di Glenda Venturini
In una lunga nota, il Partito democratico sangiovannese respinge le critiche mosse dalla Lista Cresce San Giovanni e sul tema rifiuti e discarica ribadisce: "Da noi sempre richiesta la chiusura del sito della discarica al 2021. La Lista civica smetta di fare campagna elettorale e dia un contributo politico concreto"


"Nessuna mancanza di coerenza da parte nostra, sul tema rifiuti e discarica di Podere Rota: è la Lista civica Cresce San Giovanni che continua con attacchi strumentali, facendo propaganda pre-elettorale, senza offrire alcuna collaborazione politica concreta". Il Partito democraico di San Giovanni respinge così al mittente le accuse mosse da Cresce San Giovanni, qualche giorno fa. 

"Il PD di San Giovanni Valdarno si è caratterizzato, in questi anni, per coerenza e linearità in riferimento a questo argomento, facendosi promotore di atti politici evidenti, portati avanti dal Sindaco, dalla Giunta, dal Gruppo Consiliare, dagli organismi dirigenti del Partito in ognuno dei quali è stata richiesta la chiusuradella discarica al 2021, come stabilito dal Piano interprovinciale Arezzo-Siena-Grosseto del 2013, per sottrarre un territorio ad un disagio ormai quasi ultra ventennale e non procedere ad un ulteriore ampliamento che aprirebbe una ferita nuova nel paesaggio e nell'ecosistema del Valdarno", si legge nella lunga nota.

Il Partito democratico ricorda poi il Documento elaborato in Commissione ambiente, con la richiesta di chiusura al 2021, "votato a maggioranza in Consiglio Comunale (30 ottobre 2017), con la Lista civica Cresce San Giovanni che è uscita dall'aula non partecipando al voto". E aggiunge: "Al Documento di San Giovanni sono seguiti atti di indirizzo analoghi nei Consigli di Cavriglia, Loro, Montevarchi, Bucine, Castelfranco Piandiscò, Laterina, tutti votati all'unanimità a differenza di quanto accaduto nel nostro Comune". 

E ancora: "Sulla questione della discarica è stato elaborato a luglio un documento del Coordinamento del Pd del Valdarno in cui la richiesta di chiusura di Podere Rota al 2021 è inserita all'interno di un quadro di azioni complessive sullo smaltimento dei rifiuti: un impegno concreto per l'innalzamento dei livelli di raccolta differenziata, per la diminuzione dei rifiuti, e per la dotazione impiantistica di alcune aree della Toscana (Ato Centro), in modo da consentire l’autosufficienza anche di quella parte della Regione che produce la maggiore quantità di rifiuti, senza che ci sia necessità di indirizzare verso il nostro territorio i conferimenti o che si verifichino situazioni di emergenza tali da dover ricorrere alle Ordinanze del Presidente della Regione verso l’impianto di Podere Rota". 

Il Partito democratico rivendica dunque la sua ferma posizione sulla questione discarica, e attacca: "L'atteggiamento della Lista civica Cresce San Giovanni e le modalità con cui ritorna sull'argomento sono soltanto segnali di una campagna elettorale per le amministrative che si sta avvicinando. Sarebbe auspicabile che la Lista cominciasse invece a dare un contributo politico concreto per la chiusura della discarica, ben oltre i comunicati stampa e i manifesti, dimostrando disponibilità a collaborare con il PD per promuovere un'azione comune. C'è una responsabilità politica anche in chi è forza di minoranza, e consiste nella disponibilità e nella capacità di collaborazione quando le questioni sono delicate e fondamentali. Finora la Lista civica non ha mai dimostrato questa responsabilità, preferendo innestare, su questa questione, una polemica demagogica".

"C’è in Valdarno, in questo momento, un clima generale che consentirebbe di affrontare questa vicenda in maniera compatta e unitaria, al di là delle appartenenze politiche o partitiche, come sarebbe auspicabile che fosse: va in questa direzione anche l’ordine del giorno che il sindaco di Montevarchi, Chiassai, presenterà alla prossima Assemblea dei sindaci dell’Ato Sud dei rifiuti, in cui si richiede la chiusura del sito della discarica di Podere Rota al 2021, e che auspichiamo possa essere votato e sostenuto largamente dai sindaci in Assemblea", chiude il Pd. "La richiesta che avanziamo ancora una volta alla Lista Cresce San Giovanni è che sul tema della discarica di Podere Rota abbia, finalmente, un atteggiamento collaborativo. Se deciderà, invece, di fare di questa questione un argomento da campagna elettorale, usarlo in maniera strumentale e demagogica, nessuno ne trarrà beneficio e a rimetterci saranno sicuramente i sangiovannesi e tutta la nostra comunità". 

 

Politica

 
comments powered by Disqus
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questa recensione andremo a recensire un...
Leonardo Matassoni
Diritto all'architettura
DEMOCRAZIA NATURALE QUESTIONE DI PESI … Di solito non si ...
Roberto Riviello
Controcorrente
Come fece Maximilen de Robespierre ad annullare la Costit...