01, Marzo, 2024

Podere Rota, i consiglieri regionali Capecchi e Veneri (Fdi): “La Regione dica no all’ampliamento della discarica”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

I consiglieri regionali di Fratelli d’Italia annunciano una mozione in vista della Conferenza dei servizi chiamata a decidere sul destino della discarica valdarnese di Podere Rota. “La Regione dica no all’ampliamento, aveva promesso che l’avrebbe chiusa. In realtà si sta lavorando per l’ampliamento per i rifiuti speciali, che, in realtà, non sarebbero altro che rifiuti ordinari che ricevono una classificazione diversa dopo un determinato trattamento. Vorremmo, infatti, sapere perché la Regione non ha ancora archiviato il Paur (Provvedimento autorizzatorio unico regionale), procedimento avviato da Csai spa, società che gestisce la discarica, per il progetto di adeguamento volumetrico di Podere Rota per rifiuti non pericolosi” dichiarano i Consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Gabriele Veneri e Alessandro Capecchi, vicepresidente della Commissione Ambiente e Territorio.

“Podere Rota – aggiungono – deve chiudere definitivamente, quel territorio ha già dato! Stiamo parlando di un sito trentennale, esteso per 5 milioni di metri cubi alle spalle del paesaggio delle Balze e a pochi metri, in linea d’aria, dall’abitato di San Giovanni Valdarno. Non si può pensare di continuare imperterriti a sotterrare rifiuti in discariche sparse in tutto il territorio regionale. La questione rifiuti va affrontata realizzando gli impianti secondo un modello concertato di smaltimento. Il 15 maggio 2021 si è conclusa l’inchiesta pubblica, dalla quale sono emersi non solo i pareri contrari dei rappresentanti dei territorio, ma prove evidenti, evidenziate nei contributi di Arpat, dell’inquinamento ambientale presenti nel sito in oggetto. Che la Regione Toscana ha individuato Csai quale responsabile del potenziale inquinamento del sito e ha avviato il procedimento di bonifica”.

“La Regione, nonostante avesse già formalmente dichiarato che il procedimento di bonifica impedisce la procedibilità del Paur, ha riattivato il procedimento chiedendo al Comune di Terranuova Bracciolini informazioni circa gli esiti della Conferenza dei Servizi convocata per l’approvazione del Piano di Caratterizzazione e relativa tempistica per la conclusione del procedimento di bonifica”, concludono Veneri e Capecchi

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati