24, Febbraio, 2024

Podere Rota, anche Chiassai Martini rilancia l’appello: “La Regione fermi definitivamente l’ampliamento e ascolti il territorio”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Un appello alla Regione Toscana affinché archivi definitivamente il Paur, ovvero la richiesta di ampliamento dell’impianto di Podere Rota. A farlo è il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini, così come aveva già fatto nei giorni scorsi la collega di San Giovanni, Valentina Vadi. Una presa di posizione che arriva in vista della Conferenza dei Servizi fissata per il 23 febbraio.

“È ormai evidente che la Regione Toscana non voglia rinunciare all’ampliamento di Podere Rota – afferma Chiassai – perché impianto indispensabile per lo smaltimento dei rifiuti soprattutto dell’area fiorentina. È evidente il completo fallimento delle politiche regionali in materia e il volontario sfruttamento del nostro territorio per non creare dissenso su Firenze e zone limitrofe. Il 23 febbraio, il Comune di Montevarchi parteciperà alla prima riunione della Conferenza dei Servizi, relativa “all’adeguamento volumetrico della discarica di Podere Rota”, continuando ad avere una netta posizione di contrarietà al progetto”.

“Dopo due anni di continui rinvii – ricorda Chiassai – mancano ancora risposte adeguate e certe in merito ai rilievi di Arpat che denunciava la presenza nel sito di elementi ”cancerogeni”, come cloruro di vinile e tetracloroetilene. Una condizione gravissima e la Regione invece di interrompere definitivamente qualsiasi procedimento autorizzativo nei confronti dell’ampliamento della discarica, ha volontariamente perso tempo e continua a tergiversare, permettendo che possano passare ulteriori sei mesi per mettere a punto il piano di caratterizzazione ambientale dell’area rispetto alla potenziale contaminazione delle acque sotterrane”.

“Tempistiche che sono inaccettabili e ingiustificabili rispetto al Paur che risale addirittura a gennaio del 2021- dichiara il Sindaco – Tutto il Valdarno, ad eccezione di Terranuova, perché “proprietaria”, ha espresso chiaramente di non volere l’ennesimo ampliamento di Podere Rota per tutelare i cittadini e il territorio dai rischi per la salute e per l’ambiente. Montevarchi, per prima, nel 2019 presentò un atto di indirizzo votato dalla maggioranza dei Sindaci dell’Ato Toscana Sud chiedendo di escludere qualsiasi progetto di proroga dell’impianto fino all’esaurimento naturale dei suoi volumi con il conseguente avvio della bonifica post mortem. La Regione ascolti i Sindaci e il territorio e non trovi dopo 30 anni altre scappatoie. Per quanto ci riguarda continueremo l’impegno di liberazione che abbiamo preso con i cittadini, per dare al Valdarno un futuro diverso rispetto allo sfruttamento intensivo da discarica”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati