30, Gennaio, 2023

Terminati i lavori per il collettore fognario Castelnuovo-Bomba. Costo: 3,6 milioni di euro. Un’opera attesa da tempo

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Un’opera attesa da molto tempo quella del collettore fognario Castelnuovo dei Sabbioni-Bomba e che adesso è diventato realtà. I lavori eseguiti da Publiacqua sono terminati e da questo momento l’abitato del paese può contare sul collegamento dei reflui al depuratore di San Giovanni.

Un intervento suddiviso in tre lotti per ridurre i tempi di realizzazione, che ha richiesto un investimento di 3,6 milioni di euro e che ha interessato l’abitato di Matole, la frazione di Castelnuovo dei Sabbioni, la località Pian di Colle e l’abitato dei Villini sino a ricongiungersi alla zona industriale di Bomba (il tratto fra Pian di Colle e Bomba è stato realizzato nel 2018 in concomitanza alla sostituzione della rete di distribuzione dell’acquedotto della cosiddetta dorsale Tregli-Bomba, necessaria per approvvigionare il fondo valle da Meleto al Cetinale).

Si è trattato della realizzazione di una condotta fognaria di circa 7 chilometri di lunghezza che consente il trasporto dei reflui di Castelnuovo dei Sabbioni, attraverso 2 impianti di sollevamento, verso la fognatura esistente in località Bomba e quindi al Depuratore di San Giovanni Valdarno. Sono 6 gli scarichi in ambiente eliminati per un peso di 770 abitanti equivalenti.

Sarà, poi, oggetto della Conferenza dei Servizi nel 2023 il nuovo progetto definitivo per il collegamento dell’abitato di Neri a Castelnuovo dei Sabbioni e, quindi, al Depuratore di San Giovanni Valdarno. Un intervento che rientra nell’accordo di programma con scadenza prevista nel 2026.

“Esprimo la mia soddisfazione per essere riusciti, dopo tanti anni, a collettare e inviare i liquami a depurazione. Tale intervento avrà anche un impatto positivo per l’ambiente e per la qualità delle acque del Lago di Castelnuovo, ubicato a valle del centro abitato, all’interno di un territorio che sarà, presto, oggetto dei lavori di riqualificazione dell’area mineraria da parte di Enel.”, ha affermato il sindaco di Cavriglia Leonardo Degl’Innocenti o Sanni.

“I lavori che abbiamo terminato su Cavriglia sono importanti per il territorio comunale e rappresentano solamente una tappa nel cammino che Publiacqua si è prefissa fino al 2024 – spiega il Presidente di Publiacqua Lorenzo Perra – L’azienda è infatti impegnata da diversi anni nella realizzazione di significativi investimenti per dotare i nostri territori di adeguati sistemi di depurazione. Un obbligo normativo, ma, soprattutto, un obiettivo perseguito per garantire la qualità ambientale dei nostri territori. Quella realizzata a Cavriglia è un’opera attesa e che va a servire una frazione popolosa che da oggi può contare su un ambiente più pulito”.

 

 

 

Articoli correlati