01, Aprile, 2023

Approvazione del rendiconto di gestione, Nenci: “La giunta si è dimenticata la scadenza del 30 aprile”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La capogruppo di opposizione Veronica Nenci attacca l’Amministrazione sui tempi di approvazione del rendiconto di gestione 2021. “A neanche 8 mesi dalle elezioni amministrative che hanno consegnato il Comune di Reggello nelle mani del PD a guida Giunti, tutti i consiglieri comunali hanno già ricevuto un atto della Prefettura in cui si diffida il Consiglio Comunale ad approvare il rendiconto dell’anno 2021 entro i prossimi 20 giorni, pena l’attivazione della procedura per il commissariamento del Comune. Ebbene sì, il rendiconto dell’anno 2021, atto fra quelli fondamentali ed obbligatori per legge, è scaduto il 30 aprile 2022, ma, non si sa per quale motivo, non solo entro quella data l’approvazione del rendiconto non era stata inserita nell’ordine del giorno del Consiglio, ma la Giunta non aveva neanche approvato lo schema di bilancio”.

“Come mai, ci chiediamo, siamo arrivati a questo punto?”, afferma Nenci, in rappresentanza dei gruppi di opposizione Lista civica Nenci, Giorgia Meloni Fratelli d’Italia e Lega Toscana Salvini Premier. “Non è che la maggioranza è stata un po’ troppo occupata a dipingere panchine e a fare manifestazioni antifasciste? Ovviamente, i gruppi di opposizione sono stati tenuti all’oscuro di tutto, almeno fino al secondo sollecito della Prefettura, quando si è visto che, forse, stavano facendo sul serio… Per fortuna loro, però, la burocrazia, come al solito un po’ lenta, ha fatto sì che il giro delle notifiche facesse cadere il termine dei 20 giorni dato dalla Prefettura, all’incirca una settimana oltre il 14 giugno, data fissata in extremis dalla Conferenza dei capigruppo per la seduta del Consiglio che dovrebbe approvare il rendiconto. Noi siamo sempre più allibiti: non è la prima volta che l’amministrazione prende alla leggera scadenze improrogabili di legge. Ci auguriamo che qualcuno faccia loro capire, una volta per tutte, che, nella gerarchia delle fonti, il delirio di onnipotenza e la volontà della maggioranza del Consiglio Comunale non stanno al di sopra delle fonti primarie, ovvero delle leggi, che tutti, quindi anche il PD, devono rispettare”.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati