18, Luglio, 2024

Salgono a 6 le discoteche “allertate” per il ragazzo affetto da meningite: il 20enne è Pr nei locali notturni

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Le sei discoteche sono tutte a Firenze: l’appello alla profilassi è per chi le ha frequentate nelle stesse sere del ragazzo. Oltre allo “Yab”, al “Dolce zucchero” e allo “Space electronic”, ci sono anche il “Bamboo”, il “Twentyone” e il “Full up”. Finora un centinaio di persone si sono presentate per la profilassi

Restano sempre gravi, sostanzialmente stazionarie anche se con qualche elemento di positiva risposta ai trattamenti, le condizioni del ventenne haitiano ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Santa Maria Nuova a Firenze. Il ragazzo è il ventesimo caso di meningite di tipo C registrato in Toscana, dall'inizio dell'anno, a cui se ne aggiungono altri 5 casi riferibili a meningococco B o di altro tipo, per un totale di 25 casi, di cui 6 letali.

Medici e assistenti sanitari del Servizio di igiene e sanità pubblica dell’Azienda sanitaria di Firenze stanno cercando tutte le persone entrate in contatto con il ragazzo, che di mestiere è Pr in vari locali da ballo del centro. Raccogliendo le testimonianze di chi lo conosce, hanno potuto appurare che, nei giorni precedenti il ricovero, sarebbe stato in 6 e non in 3 discoteche come emerso in un primo momento.
Oltre allo “Yab” in via Sassetti, al “Dolce zucchero” in via Pandolfini e allo “Space electronic” in via Palazzuolo, entrano nell’ambito delle discoteche frequentate dal giovane tahitiano anche il “Bamboo” (ex “Twice”) in via Verdi, il “Twentyone” (ex “Andromeda”) in via dei Cimatori e il “Full up” in via della Vigna vecchia.

Il Servizio di igiene e sanità pubblica della Asl 10 precisa che la profilassi è raccomandata solo a coloro che sono stati in questi locali nelle sere in cui era presente il ragazzo, perché l’eventuale contagio avviene esclusivamente per via respiratoria, inalando le goccioline infette, in quanto il batterio sopravvive poco nell’ambiente ed è molto sensibile ai comuni disinfettanti ed alla luce del sole, tanto che nei locali dove ha soggiornato un malato non sono necessari interventi particolari di disinfezione.

Pertanto sono invitati a rivolgersi al proprio medico, o alla guardia medica notturna o agli uffici di Igiene e sanità pubblica della propria Azienda sanitaria di residenza per farsi prescrivere l’antibiotico con cui viene effettuata la profilassi quanti hanno frequentato:
– lo “Yab” la notte fra lunedì 1 e martedì 2 giugno,
– il “Dolce zucchero” e il “Bamboo” la notte fra martedì 2 e mercoledì 3,
– lo “Space electronic” e il “Twentyone” fra il 3 e il 4,
– il “Full Up” la notte fra il 5 e il 6 giugno,
– lo “Space” fra sabato 6 e domenica 7 giugno.
La profilassi deve essere eseguita anche da chi ha già effettuato la vaccinazione antimeningococcica.

Mercoledì sera, dopo la diffusione da parte dell’Azienda sanitaria di Firenze della notizia del ricovero del ragazzo, sono state circa 50 le persone che si sono rivolte all’Ufficio di igiene e sanità pubblica per chiedere informazioni sulla profilassi essendo stati appunto in quelle date in quelle discoteche. Un numero equivalente di chiamate è giunto nel corso della mattinata di oggi.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati