16, Gennaio, 2022

Rignano, nuovi tigli in via Vittorio Veneto. Sostituiranno quelli pericolosi

spot_img

Più lette

Oggi la Giunta di Rignano ha preso atto della relazione tecnica inerente le condizioni di stabilità dei tigli in Via Vittorio Veneto. In seguito al parere rilasciato da Francesco Ferrini, tecnico dell’Università di Firenze che ha espresso la sua preoccupazione per le condizioni di stabilità degli alberi nella via tale da richiedere un approfondimento di indagine, la successiva perizia ha disposto l’urgente necessità di abbattimento di 6 tigli -i primi 3 e gli ultimi 3 del filare- che saranno sostituiti immediatamente con sette nuove piante.

“Arriviamo al termine di un percorso di studio e analisi che si è reso necessario per la posizione degli alberi in una zona ad alta affluenza di pedoni, ciclisti, motociclisti e auto che attraversano quotidianamente quella strada comunale, forse la più frequentata del capoluogo. I tecnici preposti all’analisi del nostro patrimonio arboreo – sottolinea l’assessore all’ambiente Dominga Guerri – hanno relazionato che dovremo tagliare gli alberi malati, è un’operazione che non fa piacere a nessuno, ma dopo la perizia, per la sicurezza e l’incolumità pubblica, dobbiamo prendere atto della decisione dei tecnici. Immediatamente abbiamo voluto che quegli alberi siano sostituiti, anzi ce ne sarà uno in più rispetto ai sei che saranno abbattuti. Voglio sottolineare, ancora una volta, che si procederà alla loro sostituzione con nuovi esemplari di tigli biologicamente attivi ed efficienti.”

“Tutto questo nel naturale avvicendamento fra generazioni successive in un ambiente urbano– prosegue l’assessore- dove è importante garantire il mantenimento dei valori, delle funzioni e della ricchezza che tali organismi viventi esprimono e da cui traiamo beneficio. Così facendo continua quel lavoro per cui, come Amministrazione, ci vede particolarmente attenti allo stato dei nostri spazi verdi, a partire dal nuovo Parco fluviale e dalla convenzione in essere con l’Università di Firenze”. L’ Amministrazione informa che è a disposizione la copia della relazione tra i file allegati sul sito del Comune.

Articoli correlati