13, Luglio, 2024

“Un ritardo di 25 minuti in una tratta da 41 minuti di percorrenza”. Il consigliere regionale Mugnai denuncia nuovi disservizi

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La denuncia di stamani è del Consigliere regionale di Forza Italia Stefano Mugnai, da anni pendolare dal Valdarno verso Firenze. “Qui ormai si viaggia senza certezze, e l’assessore fa il turista per caso in giunta chiedendo a noi le soluzioni”

Ancora ritardi dal Valdarno verso Firenze, e ancora una volta nel mirino finisce il treno regionale veloce 2304 che alle 9.07 dovrebbe fermarsi alla stazione Montevarchi-Terranuova per recuperare i pendolari diretti a Firenze. La denuncia, stamani, arriva da un pendolare che è anche consigliere regionale di Forza Italia, Stefano Mugnai.

"Per fermarcisi, il più delle volte ci si ferma. Quanto all’orario e al veloce beh… E oggi, solita storia: stiamo viaggiando con un ritardo di 25 minuti circa su una tratta che di percorrenza ne richiede 41. La settimana scorsa – continua Mugnai – si è data la colpa dei ritardi alla tempesta di vento. E oggi? E tutte le settimane precedenti? E quelle che verranno?"

"Qui è sempre così, in questa come nelle altre fasce orarie interessate dal trasporto di cittadini che quotidianamente, per lavoro o per studio, tentano di spostarsi lungo questa tratta dribblando convogli cancellati, carrozze stipate come carri bestiame, guasti agli impianti, distacchi di finestrini o plafoniere o suppellettili varie… E’ un autentico calvario! E il peggio è che per affrontarlo paghiamo pure!"- 

Mugnai se la prende con la Regione, mirando all’assessore ai trasporti Vincenzo Ceccarelli: "All’inizio del suo incarico da assessore prometteva. Adesso – prosegue – visto che non riesce a farsi dare ascolto con autorevolezza da Trenitalia, allora non trova di meglio che abdicare al suo ruolo chiedendo ai pendolari, che giustamente gli chiedono conto della situazione, di individuare soluzioni e suggerirle loro. Come se lui in giunta fosse turista per caso. Viaggiatori non per caso ma a caso invece siamo noi tutti che ogni giorno affrontiamo ogni genere di disagio, sempre senza sapere né quando si parte né quando si arriva e cosa ci aspetta nel mezzo del percorso". 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati