24, Luglio, 2024

Progetto Smog, Social Mass Orto Giardino: le prime considerazioni

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il progetto promosso dall’amministrazione comunale di Terranuova è iniziato nel mese di aprile. La location: la bocciofila.

Progetto Smog, ovverosia Social Mass Orto Giardino: arrivano le prime considerazioni sulla creazione di un orto giardino, sul tema 'nutrire la città', allestito nell'area di pertinenza della bocciofila. Il progetto ha preso il via nel mese di aprile ed è organizzato dall'amministrazione comunale di Terranuova.

Si è trattato di un ciclo di tre incontri incentrati su scoperta, conoscenza e condivisione rispetto al tema dell’agricoltura urbana. I partecipanti hanno potuto acquisire le tecniche di coltivazione “sperimentali-naturali” e scoprire la biodiversità e le erbe officinali.

“Il gruppo che si è formato, e gravita con regolarità sull’orto-giardino, è attualmente di circa 12 persone. A questo dato si aggiungono un numero altrettanto congruo di bambini che con entusiasmo e allegria hanno partecipato alle attività laboratoriali e continuano a frequentare l’ortogiardino con i familiari per dare il loro piccolo contributo”, spiega l’assessore Deborah Romei.

Festeggiata la prima parte di 'Smog orto – giardino':

“Il progetto mira al recupero di aree urbane sottoutilizzate nell’ottica di un utilizzo sostenibile. Insieme sperimentiamo una nuova visione di bello. Bello è quello che nel processo di condivisione e si attua insieme rendendoci anche più consapevoli rispetto al bene comune” spiega Letizia Donati, referente del progetto Smog.

“Crediamo in una condivisione autentica del processo progettuale, che rimetta in circolo i saperi di ognuno, che coltivi relazioni umane reali e collaborative, che restituisca un ruolo centrale all’essere umano nel vivere il tempo e spazio nella città”, ha affermato Barbara Nappini di Smog. 

Articoli correlati