28, Novembre, 2022

Concluso a Faella il VI° motoraduno de Le Manette del Valdarno. Oltre 300 i centauri

Più lette

In Vetrina

Iniziato venerdì 20 giugno si è concluso a Faella con il tradizionale pranzo preparato dal personale dell’Estate faellese. Tanti i motociclisti provenienti da ogni parte d’Italia, Sardegna compresa

L'ultima corsa tutti insieme prima di sedersi e gustare il pranzo come sempre preparato dai volontari dell' Estate faellese. È terminato così il VI° motoraduno de Le Manette del Valdarno apertosi venerdì 20 giugno con l'arrivo dei partecipanti e le iscrizioni. Quest'anno punto di ritrovo è stato il camping La Chiocciola di Capannole nel comune di Bucine. Sabato il motoraduno si è diretto verso la Val D'Orcia: Capannole, Colonna del Grillo, Casetta, Arbia, Asciano, San Giovanni d’Asso, Montisi, Pienza, Torrita, Sinalunga, Lucingnano, Monte San Savino.

Poi dalla piazza centrale di Terranuova verso Montevarchi, Cavriglia, Badia Coltibuono, Radda, Castellina, Panzano, Greve, San Polo, Incisa Valdarno, Figline, Faella.

Oltre 300 i centauri provenienti da ogni parte d'Italia, Sardegna compresa. A Faella hanno preso parte al pranzo anche il sindaco di Castelfranco Piandiscò Enzo Cacioli e il collega di San Giovanni Maurizio Viligiardi.

Come tradizione vuole sono stati consegnati anche i premi al più giovane motociclista, al più anziano, alla donna giunta da lontano e tanti altri.

Annunciato anche il futuro avvicendamento alla presidenza de Le Manette del Valdarno tra Alessandro Fasolino, che per motivi di lavoro lascia, e Andrea Biagioni attuale vicepresidente.

Il ricavato del motoraduno, come è tradizione del motoclub valdarnese, è stato devoluto in beneficenza. Dal 2009 sono stati ben 60.000 euro i contributi donati ad associazioni e realtà del territorio.

 

Articoli correlati