09, Agosto, 2022

Alto rischio incendi, ordinanza del sindaco obbliga a tagli e ripuliture della vegetazione

Più lette

In Vetrina

Il sindaco di Castelfranco Piandiscò Enzo Cacioli ha firmato a fine luglio una specifica ordinanza con l’obiettivo di mitigare il rischio di incendi boschivi sul territorio comunale, in particolare vicino ai centri abitati. L’ordinanza impone misure specifiche ai proprietari di alcune tipologie di terreni e immobili, nel dettaglio:

1) Aree a coltura cerealicola o foraggera
I proprietari, agli affittuari e ai conduttori dei campi a coltura cerealicola e foraggera, a conclusione delle operazioni di mietitrebbiatura o sfalcio, devono prontamente e
contestualmente realizzare perimetralmente e all’interno alla superficie coltivata una fascia sgombra da ogni residuo di vegetazione, per una larghezza continua e costante di
almeno 10 metri e, comunque, tale da assicurare che il fuoco non si propaghi alle aree circostanti e/o confinanti.
2) Aree boscate e aree rurali (L.R. 39/00; L.R. 65/14)
I proprietari, affittuari e conduttori a qualsiasi titolo di aree boscate e rurali confinanti con insediamenti residenziali, turistici o produttivi, strutture viarie, ricadenti nelle aree a
rischio incendi boschivi individuate nel Piano Comunale di Protezione Civile, devono provvedere a proprie spese, a realizzare e a mantenere una fascia parafuoco di protezione
nella loro proprietà, secondo le indicazioni del Piano Antincendi boschivi regionale in corso di validità.
3) Attività turistiche e ricettive
I proprietari, i gestori ed i conduttori di campeggi, villaggi turistici, centri residenziali, alberghi e strutture ricettive insistenti su aree urbane o rurali esposte al pericolo di incendi
boschivi, devono assicurare la discontinuità del combustibile vegetale in senso verticale e orizzontale delle aree a verde del proprio insediamento, al fine di regolare lo sviluppo
della vegetazione e mantenere in efficienza e sicurezza le stesse aree, in linea con quanto previsto dal Regolamento Forestale della Toscana e dal vigente Piano Antincendi
Boschivi.

Gli Organi di Polizia, la Polizia Locale e tutti gli Enti territoriali preposti sono incaricati di vigilare sulla stretta osservanza dell’ordinanza. La mancata osservanza degli obblighi e dei divieti comporterà l’applicazione delle sanzioni previste dalla legislazione vigente, incluse le sanzioni penali, previste dalle normative statali.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati