07, Ottobre, 2022

“A B C per la vita”: prevenzione e primo soccorso arrivano a scuola grazie alla Croce Azzurra di Reggello

Più lette

In Vetrina

Una giornata formativa alla scuola primaria di Leccio: gli operatori della Croce Azzurra hanno insegnato le tecniche di base del soccorso a 25 bambini

Sono stati venticinque bambini della classe quinta della scuola primaria di Leccio, nel comune di Reggello, i protagonisti per una mattina con la Croce Azzurra di Reggello, per l'evento di informazione e formazione a scuola sul tema della prevenzione e dell'intervento di primo soccorso.

La Croce Azzurra di Reggello, da sempre attenta ai bisogni delle persone, è attiva da anni nell’educazione sanitaria, nella prevenzione, e nel primo soccorso e attraverso istruttori e volontari opera per la diffusione delle manovre di rianimazione cardio polmonare (R C P) di base.

Ogni anno, 60.000 persone in Italia perdono la vita a causa di un arresto cardiaco improvviso. Al fine di salvare vite è fondamentale intervenire in maniera tempestiva e corretta, con manovre salvavita e seguendo le adeguate procedure per chiamare i soccorsi. Con il progetto dal titolo “A B C per la vita” l'obiettivo è di sensibilizzare e rendere protagonisti attivi i giovani studenti entrando con il primo soccorso all'interno della aule.

 

 

Nel plesso scolastico di Leccio, sotto la guida attenta degli istruttori della componente volontaria della Croce Azzurra, con il coinvolgimento delle insegnanti, si è svolta l'attività con i ragazzi che hanno avuto la possibilità di apprendere passo dopo passo i requisiti di base da compiere in caso di emergenza. Dopo una breve presentazione sul 118 i ragazzi sono saliti sull'ambulanza per conoscere le strumentazioni di bordo. La giornata formativa è poi entrata nel vivo con la parte teorica e pratica sulla rianimazione cardiopolmonare. Con l'aiuto di due manichini i piccoli soccorritori sono entrati in azione con prove pratiche di rianimazione cardiopolmonare.

A fine giornata ad ogni ragazzo la Croce Azzurra ha consegna il "diplomino" di soccorritore livello Junior. Un progetto che attraverso la scuola coinvolge le giovani generazioni, permettendo così di rendere partecipi anche le famiglie ed i docenti alla diffusione della catena della sopravvivenza.

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati