18, Agosto, 2022

Variante alla Sr69 e traffico: “Il ponte Leonardo non serve a nulla, se non viene collegato alla città”

Più lette

In Vetrina

Negli orari di punta l’apertura del primo lotto della Variante non ha semplificato le cose, fra Levanella e Montevarchi. “Questo perché mancano i raccordi fra il Ponte e la città, le zone industriali o artigianali”, scrive in una interrogazione Luciano Bucci, che chiede al sindaco quando saranno aperti i collegamenti previsti

L'apertura del Ponte Leonardo e del primo lotto della Variante alla Sr69 ha portato con sé benefici, da una parte, e nuovi problemi, dall'altra. E i problemi nuovi sono dovuti agli ingorghi di traffico che puntualmente si verificano nelle ore di punta fra Montevarchi e Levane, in particolare intorno alle 18, all'uscita dalle fabbriche e dagli stabilimenti produttivi. 

Valdarnopost lo aveva documentato ad una settimana dall'apertura della Variante. E ora la questione è arrivata anche in Consiglio comunale a Montevarchi, grazie ad una interrogazione di Luciano Bucci, capogruppo di Prima Montevarchi. 

La questione di fondo è semplice: l'unico collegamento con il nuovo ponte è a Levane. E dunque, per imboccare la Variante occorre andare fino a laggiù. "Ed ecco l'accumulo di traffico sulla vecchia sede della Sr69, cioè il tratto di via Aretina, via Marconi, fino a viale Diaz", commenta Bucci. 

"Per forza, dicono anche i cittadini: la nuova asta viaria non ha collegamenti con la città, cone le zone industriali e artigianali". Eppure quei collegamenti sono previsti, anche se non realizzati. Per la precisione, nei progetti ce ne sono tre: il collegamento di Prada, dall'outlet fino alla prima rotatoria della Variante (che non a caso si chiama Rotatoria Prada); quello della Variante ad Est, che parte da Levanella, all'altezza delle scuole, strada già rifatta ma non collegata al ponte; e infine, quello più lontano dalla realizzazione, che dovrebbe portare dal Ponte Leonardo fino alla piscina di Montevarchi, in fondo a viale Matteotti. 

"Viste le premesse – scrive Bucci – si chiede al sindaco quando saranno realizzati gli indispensabili collegamenti con la variante, affinché di quest'opera pèossa dirsi che è valsa la pena spendere tanti soldi?". E poi, l'altra questione: il nuovo svincolo di Ponte Mocarini, anche quello previsto ma ancora da progettare e realizzare. 

"Quando sarà realizzato il nuovo svincolo all'altezza di Ponte Mocarini? Perché la verità – afferma Bucci – è che non si è collegata la città di Montevarchi alla Variante perché si sapeva che i flussi di traffico, che si sarebbero generati, non avrebbero mai potuto essere smaltiti a Ponte Mocarini". 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati