23, Maggio, 2024

Claudio Bindi, “Un’assenza inspiegabile”. Il caso torna su Chi l’ha visto?

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

“Un’assenza inspiegabile” viene definita la scomparsa di Claudio Bindi, avvenuta il 4 marzo, da un amico collegato dal Giappone. Il caso del 62enne, pensionato, sposato con due figli, di cui ancora non è dato sapere niente, è di nuovo approdato nella trasmissione di Raitre Chi l’ha visto?

Al momento ci sono soltanto supposizioni. Claudio Bindi è andato via dalla sua casa di Pulicciano, nel comune di Castelfranco accompagnato dal cognato: doveva recarsi dal barbiere a Piandiscò, aveva detto, ma lì nessuno lo ha visto. A piedi si è incamminato sulla Castagneta, ha attraversato via del Varco a Vaggio, dove lo ha visto un conoscente, ed è arrivato a Matassino: le telecamere, che lo hanno inquadrato in viso, rivelano che ha attraversato il ponte sull’Arno in direzione Figline. Poi di lui nessun’altra traccia. I carabinieri hanno svolto ricerche alla stazione ferroviaria senza risultato. Ha preso forse un pullman per Firenze? O forse lo aspettava qualcuno?

Bindi, amante dei viaggi come spiegano i figli, aveva con sè carta d’identità, bancomat e carta di credito e scarpe eleganti. L’amico dal Giappone evidenzia alcune ipotesi e lancia un appello a Claudio. Così come la moglie che, insieme ai figli, è visibilmente preoccupata e chiede al marito di tornare a casa.

La sua scomparsa rimane ancora un mistero inspiegabile per la famiglia e per chi lo conosce. Tante le ipotesi ma nessuna suffragata da prove e fatti concreti. Rimane su tutto il dolore della moglie e dei figli e la speranza che in qualche maniera faccia avere notizie per spiegare una scomparsa incomprensibile.

Articoli correlati