29.04.2017  14:03

Lotta al gioco d'azzardo, il Valdarno spinge sull'acceleratore. Presentato il Regolamento sul Gioco Lecito

di Glenda Venturini
Il Regolamento andrà in approvazione nei prossimi mesi in tutti i consigli comunali, a partire da quello di Pergine, la cui prima cittadina Simona Neri sta portando avanti questa battaglia anche con Anci Toscana. Stamani la presentazione a Terranuova, alla presenza di tutti gli enti e le associazioni che stanno lavorando su questo fronte


Non si ferma il lavoro del Valdarno per la lotta al gioco d'azzardo. Questa mattina a Terranuova, al Bar Marisa che è simbolo del 'no' alle slot, è stato presentato il nuovo Regolamento sul Gioco Lecito, un documento promosso da Anci Toscana, e che finirà in votazione in tutti i consigli comunali del Valdarno aretino e fiorentino, nelle prossime settimane.

Il primo dei comuni ad approvarlo sarà quello di Pergine, e la prima cittadina Simona Neri non a caso, dopo aver preso parte al tavolo di #ValdarnoNoSlot che ha dato vita a tutto, oggi è responsabile per Anci Toscana del tavolo contro le ludopatie. L'obiettivo di Anci, hanno ricordato questa mattina i promotori valdarnesi, è comunque di arrivare entro l'estate all'approvazione di questo regolamento in tutti i comuni toscani.

Tra i presenti alla conferenza stampa di presentazione, oltre a Simona Neri, il Coordinamento Libera del Valdarno Superiore (che insieme al sindaco di Pergine appartiene all'Osservatorio Regionale per il Contrasto al Gioco d'Azzardo), ValdarnoNoSlot, il gruppo che promuove i Giochi Senza Frontiere del Valdarno (che supportano la lotta alle ludopatie), la consigliera regionale Valentina Vadi, il sindaco di Terranuova Sergio Chienni ed altri amministratori del territorio.

Libera e ValdarnoNoSlot hanno ribadito in questi giorni la richiesta ai sindaci e alle giunte dei comuni valdarnesi, perché facciano proprio questo regolamento e lo inseriscano all'ordine del giorno dei Consigli comunali; lo propongano al più presto alle specifiche commissioni consiliari affinchè sia approvato entro l'estate; individuino da subito al loro interno aree di proprietà comunali (come impianti sportivi, ecc..) dove impedire lo svolgimento di forme di gioco d'azzardo; diano vita a una campagna di comunicazione unitaria su questo tema nel territorio.

Intanto, sempre in Valdarno, è stato già presentato nei giorni scorsi nell'ambito della Conferenza per l'istruzione "Gioco scaccia gioco", che da settembre riguarderà quasi 1300 studenti delle scuole medie: attraverso l'insegnamento del gioco degli scacchi e della dam, promuoverà un gioco sano e positivo. Il progetto di Libera Valdarno ha ricevuto il finanziamento del Ministero della Salute, 

La consigliera regionale Vadi ha posto l'accento, infine, sulle proposte di modifica della Legge Regionale 57/2013, "Disposizioni per il gioco consapevole e per la prevenzione della ludopatia", messe a punto da Anci Toscana e che, dopo essere state illustrate in sede di Osservatorio Regionale sul Gioco d'Azzardo, saranno discusse in consiglio regionale. La proposta va nella direzione di un adeguamento e di una uniformazione del quadro normativo locale per contrastare in maniera sempre più incisiva i rischi della ludopatia. "Importare e significativo il lavoro che sta portando avanti Simona Neri, lavoro a cui darò il massimo supporto in sede di commissione regionale e consiglio regionale perché possa trovare presto compiuta realizzazione ed attuazione".

Economia / Sociale

 
comments powered by Disqus
Arbër Agalliu Aga
Paroleincrociate
SALVINI vs. FERRAGNI Secondo la Repubblica il nostro caro...
Roberto Riviello
Controcorrente
La professoressa palermitana Rosa Maria Dell’Aria h...
Alessio Bigini
Alessio Bigini Software/Electro Lab
Ciao a tutti, in questo breve articolo, vi mostro alcune ...