02, Dicembre, 2022

“Play Energy Enel”: l’Itc Severi menzionato speciale grazie al progetto su Expo 2015

Più lette

In Vetrina

Ormai è una tradizione per l’istituto Severi di San Giovanni classificarsi campione dell’energia. Gli studenti guidati dalla professoressa Chiara Cheti anche nel 2014 si sono aggiudicati i riconoscimenti nel concorso indetto da Enel

Non si smentisce l'istituto Severi di San Giovanni: per l'ottavo anno ha ottenuto riconoscimenti nel concorso indetto da Enel "Play Energy Enel". In questa edizione ha ricevuto una menzione speciale per un progetto su Expo 2015.

I ragazzi dell’Itc Severi guidati dalla Professoressa Chiara Cheti si confermano tra i “campioni dell’energia” toscana: gli studenti valdarnesi, infatti, si sono aggiudicati un riconoscimento al “Play Energy Enel”, il concorso ludico didattico che Enel ed Enel Energia dedicano al mondo della scuola in Italia e nel mondo.

L'edizione 2013 – 2014 ha visto 379 scuole toscane sfidarsi con originali progetti sui temi delle rinnovabili e del risparmio energetico. In Italia sono state coinvolti più di 25.000 studenti per un totale di 5.000 prove progetto. Al concorso hanno preso parte anche scuole di 9 Paesi nel mondo in cui Enel opera: oltre all’Italia, Russia, Brasile, Cile, Costa Rica, Guatemala, Panama, Urugay, Romania.
 
La classe II AT dell’Itc Severi, accompagnati dalla professoressa Chiara Cheti, è stata premiata per la proposta “Progetto Expo 2015”

“Abbiamo elaborato – hanno scritto gli studenti nella presentazione del loro progetto – un padiglione per Expo 2015, progettando un’area che rappresenti esteriormente i nuovi modi per produrre energia. L’esterno è caratterizzato dalla presenza di strutture fotovoltaiche, eoliche, idroelettriche all’interno di un’architettura moderna arricchita da monitor che forniscono informazioni continue sui consumi energetici, la produzione di CO2, ma anche sulla disponibilità di auto elettriche per la mobilità interna e la localizzazione delle colonnine di ricarica. L’interno è caratterizzato invece da un’architettura scenografica con un nucleo centrale che è la vera sala operativa dove affluiscono tutti i dati con le pareti circondate da monitor a cui l’utente può accedere per ogni tipo di informazione (eventi, luoghi di ristoro, padiglioni tematici ecc. Un modo intelligente per rendere Expo 2015 completamente sostenibile e fornire in tempo reale tutte le informazioni su consumi, risparmio energetico, innovazione e opportunità presenti nella grande fiera mondiale”
 
La Giuria toscana, composta da rappresentanti del mondo istituzionale, della scienza e della scuola, ha assegnato anche primi premi alle scuole del Matassino di Figline.

 

Articoli correlati