17, Luglio, 2024

Le “Vie di Dante” raccontate per immagini: i territori di Rignano e Reggello

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Le telecamere di Florence TV, la web tv della Città metropolitana di Firenze, nei luoghi che appartengono alle ‘Vie di Dante’, una serie di itinerari storico-naturalistici legati alla vita del Sommo Poeta. In questa tappa, la Valdisieve e il Valdarno

Un percorso per immagini video nei luoghi che appartengono alle "Vie di Dante": sono i territori di 35 amministrazioni comunali fra Firenze, Ravenna, Forlì e Arezzo, coordinati dalla Città Metropolitana di Firenze, che hanno siglato un accordo per la costruzione di un sistema turistico di prodotto dedicato alle “Vie di Dante”, una serie di itinerari storico-naturalistici in grado di raccontare la vita, i luoghi e la narrazione dantesca, nell'anno del settecentenario della morte del Sommo Poeta.

La troupe della Web TV della Città Metropolitana di Firenze ha realizzato video per raccontare ognuna delle tappe: in questo, si racconta il legame tra Dante e i territori della Valdisieve e del Valdarno fiorentino, nello specifico Rignano e Reggello. "Le Vie di Dante" ripercorrono infatti le orme di Dante Alighieri, non solo nel suo peregrinare da esule tra Toscana e Romagna, ma anche in quei luoghi che lo videro crescere e formarsi come uomo: in questo caso alle pendici dell'appennino, vicino alla confluenza di due fiumi che hanno segnato la storia del territorio, la Sieve e l'Arno.

A raccontare le bellezze storiche e naturalistiche di Rignano, nel suo legame con l'Arno come sede dell'antico ponte mediceo che permetteva di passare da una sponda all'altra, è l'assessore rignanese Sonia Tinuti. A Reggello, poi, la parola passa all'assessore Priscilla Del Sala, che introduce non solo ad alcune delle pievi più belle, ma anche e soprattutto alla riserva di Vallombrosa. Qui, tra le altre cose, nel 1921 lo scultore Hendrik Christian Andersen realizzò una medaglia in cemento armato, dedicata a Dante e Beatrice, collocata nel chiostro della chiesa dell'Abbazia. A memoria di come il Sommo Poeta possa aver trovato rifugio in questi boschi ai confini con il Casentino nei primi anni del suo esilio.

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati