16, Agosto, 2022

“La chiave? Ce l’hanno data i vigili”: su facebook i commenti al video sulla catena. Bucci scrive a sindaco e comandante di Polizia municipale

Più lette

In Vetrina

Il nostro video esclusivo ha sollevato un vero polverone. Su facebook alcuni residenti di via Cennano scrivono: “La chiave è stata data dai vigili urbani ai residenti con garage e chi lavora”. Tra le proteste di chi invece non ce l’ha: “Cittadini di serie A e serie B?”. Il consigliere Bucci chiede spiegazioni in una lettera, inviata anche alla Procura

Potremmo chiamarla ormai la chiave della discordia. Quella che apre le catene di via Roma e via Cennano, consentendo di eludere l'ordinanza di chiusura al traffico della Ztl dopo le 19,30, a Montevarchi è al centro di un vero e proprio caso, dopo la pubblicazione del video esclusivo di Valdarnopost che mostra come un qualsiasi cittadino possa entrare con la propria auto in centro storico, quando non si dovrebbe. 

La questione ruota intorno all'ordinanza del 13 dicembre scorso, che fissa nuove regole per il centro storico. Su via Roma e via Cennano, recita l'ordinanza, accesso libero solo dalle 6 alle 11; dalle 11 alle 19,30, invece, consentito agli autorizzati, mezzi di soccorso, forze di polizia, disabili muniti di contrassegno, residenti, titolari di garage e di negozi che si trovano su queste vie. Ma dalle 19,30 la chiusura al traffico è totale, fino alle 6 del mattino successivo. 

Insomma, ogni sera le due strade chiudono, indistintamente per tutti: con tanto di catena. Solo che Valdarnopost ha scovato la chiave per aprire quella catena, in possesso di alcuni residenti di quelle due strade. E ha pubblicato un video in cui dimostra che così è possibile eludere l'ordinanza, ed entrare tranquillamente dopo le 19,30. Scatenando il dibattito, specialmente su facebook, dove sono emersi nuovi dettagli. 

"La chiave è stata fornita direttamente dai Vigili ad alcuni residenti di via Cennano incavolati neri per via dell'obbrobrio di ordinanza che regola il traffico della nostra via", scrive Martina su 'Sei montevarchino se…'. Le fa eco Roberto: "La chiave è stata data dai vigili urbani ai residenti con garage e chi lavora. La vera notizia sarebbe che la strada deve essere aperta!". 

La chiave che consente di eludere un'ordinanza firmata dal comandante di Polizia municipale sarebbe dunque stata fornita direttamente dai vigili urbani ai cittadini? E cosa dovremmo aspettarci allora se un agente di Polizia municipale 'beccasse' uno di questi cittadini a transitare in via Cennano o via Roma dopo l'orario di chiusura? Lo sanzionerebbe oppure no? 

Non solo. Il dibattito ha poi portato alla luce il malcontento, ovviamente, di chi quella chiave non ce l'ha. Come Francesca: "Vengo a sapere che la strada in cui abito, Via Roma a Montevarchi, chiusa dalle 19 alle 6 di mattina con delle catene anche ai portatori di handicap residenti, può essere facilmente aperta con dei duplicati di chiavi che la Polizia municipale ha dato solo ad alcuni, ai pochi eletti! Quindi è chiaro: in Via Roma ci sono persone di Serie A a cui l'accesso è permesso e persone di Serie B come me, magari con un familiare portatore di handicap al quale non è permesso rientrare dopo le 19 a casa! Anzi al quale, avendo chiesto una soluzione alla Polizia Municipale, si è sentito rispondere di lasciarlo via Poggio Bracciolini!". 

La richiesta di chiarimenti precisi sul caso è contenuta nella lettera che il capogruppo di Prima Montevarchi, Luciano Bucci, ha inviato al Sindaco, al Comandante di Polizia municipale e per conoscenza anche al Procuratore della Repubblica. "Il sottoscritto consigliere comunale per l'espletamento delle mansioni connesse con la carica rivestita, appreso quanto pubblicato da valdarnopost.it, chiede di sapere chi sia l'ufficio e il/i dipendentente/i che hanno in consegna le chiavi che aprono i dispositivi di chiusura della via Roma. Chiederò, altresí, di avere l'elenco dettagliato di coloro ai quali sono state consegnate copia delle chiavi di cui sopra. Preannuncio la richiesta d'istituzione di una commissione consiliare per far luce su quanto denunciato nel video pubblicato sul web, con riserva di adire alle vie legali per tutelare l'onore e il prestigio del Comune di Montevarchi evidentemente lesi dal contenuto del video stesso, laddove non vi provvedesse d'iniziativa il rappresentante pro-tempore dell'Ente". 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati