03, Dicembre, 2022

Green pass, da oggi le nuove regole. Pochi controlli nei trasporti pubblici utilizzati dai pendolari valdarnesi

Più lette

In Vetrina

Sono scattate oggi in Italia le nuove misure relative al green-pass e a quello rafforzato: la distinzione è in base al fatto che si sia ottenuto il green pass con vaccinazione o guarigione (quello rafforzato) oppure con tampone (base). Per entrare sui luoghi di lavoro sarà sufficiente il green pass base, con le eccezioni di personale sanitario e delle Rsa e, dal 15 dicembre, anche personale scolastico, forze di polizia, militari per i quali scatta il vaccino obbligatorio. Per tutti, invece, è richiesto il green pass rafforzato in particolare per l’accesso ad attività come ristoranti, cinema e teatri.

Una delle novità rilevanti riguarda i trasporti pubblici locali: per salire a bordo di treni regionali o autobus di linea, per chi ha da 12 anni in su, serve da oggi il green pass, e va bene anche quello base. I controlli sono previsti a campione. Pochi quelli segnalati oggi in Valdarno: sulla pagina del Comitato Pendolari Valdarno Direttissima i viaggiatori segnalano nessun controllo sui regionali di questa mattina.

Anche sugli autobus non sembra ci siano state verifiche del green pass sulle corse del Valdarno, anche se Autolinee Toscane, in una nota, ha specificato che “Le Prefetture di tutta la Regione hanno indicato che i controlli sul possesso del green pass saranno effettuati dalle forze dell’ordine a campione su tutta la rete regionale. Autolinee Toscane, come richiesto dalle Prefetture, per supportare il lavoro delle forze dell’ordine, mette in campo numerosi nuovi controllori su tutta la Toscan che, oltre a verificare il possesso del titolo di viaggio, chiederanno il possesso del green pass. L’assenza o il rifiuto a esibirlo non consente l’accesso ai mezzi e comporterà l’eventuale richiesta di intervento delle forze dell’ordine, le quali potranno applicare una sanzione amministrativa che va da 400 a mille euro”.

Intanto il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, in una nota ha commentato: “Con l’83,3% di popolazione coperta dal vaccino, la Toscana ha dimostrato di essere una regione con una forte cultura della vaccinazione, cosa di cui ringrazio i cittadini. Questo ci aiuta ad avere meno problemi anche nel far rispettare le nuove misure legate al nuovo green pass rafforzato, entrate in vigore stamani. Dai controlli effettuati emerge che non si sono verificati problemi per il funzionamento del trasporto pubblico o nell’accesso agli uffici. Tutto questo grazie a questa forte cultura di base, che porterà, attraverso il green pass, a evitare il diffondersi del contagio, mettendo limiti a chi, con atteggiamento egoistico nei confronti della comunità, non si vaccina. E’ un atteggiamento che, anche se in Toscana riguarda un numero di persone inferiore rispetto ad altre regioni, richiede rigore e perseveranza nei controlli”.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati