04, Dicembre, 2022

E’ un cacciatore del Valdarno fiorentino l’uomo che ha sparato a Sybilla gettandola poi in un cassonetto

Più lette

In Vetrina

E’ giovane, è un cacciatore e risiede nel Valdarno fiorentino il responsabile della morte di Sybilla. E’ lui che ha preso a fucilate, con una carabina ad aria compressa, la gattina che poi l’ha messa in un sacco dei rifiuti e l’ha gettata in un cassonetto in località Potine, nel comune di Cavriglia. Il motivo che avrebbe scatenato questo spregevole gesto sarebbe stato la ricerca di cibo da parte della gattina.

Sybilla, dopo essere stata operata, curata ed accolta da una volontaria di Enpa Valdarno, purtroppo non ce l’ha fatta, le due fucilate che l’hanno colpita alla testa e alla spina dorsale non le hanno permesso di continuare a vivere.

A scoprire l’autore di questo ignobile gesto sono stati gli agenti della polizia municipale di Cavriglia che hanno subito dato il via alle indagini dopo aver ritrovato Sybilla in fin di vita. Ad incastrare l’uomo sono state le telecamere posizionate nella zona ed alcune testimonianze.

L’uomo ha confessato quanto aveva fatto. Subito gli sono state sequestrate le armi e revocata la licenza di caccia. Adesso è stato denunciato per maltrattamento di animale con l’aggravante della morte: rischia fino a 3 anni di carcere e una sanzione che va da un minimo di 7500 euro fino a un massimo di 45mila.

 

Articoli correlati