25, Settembre, 2022

Cincinelli chiude la campagna elettorale all’attacco: “Avversari polemici poveri di contenuti, è l’ora di cambiare”

Più lette

In Vetrina

Definisce la politica montevarchina “bizzosa come i bambini e povera di contenuti come nemmeno i bambini potrebbero essere”, il candidato di Motnevarchi Alternativa. Chiede un ritorno ai contenuti e ai cittadini lancia l’appello: “E’ ora di mandarli a casa”

Termina all'attacco la campagna elettorale di Claudio Cincinelli, candidato di Montevarchi Alternativa, che si scaglia sulle modalità con cui i suoi avversari hanno animato i dibattiti in questo periodo pre-elezioni. "Polemiche, solo polemiche, nient’altro che polemiche! Questa è la politica montevarchina, bizzosa come i bambini e povera di contenuti come nemmeno i bambini potrebbero essere", commenta.

"Francamente – aggiunge Cincinelli – non biasimo chi non vuole più andare a votare: ieri le offese alla candidata del centrodestra che qualcuno ha provato a strumentalizzare, oggi le offese alla Presidente della Camera che non canta il nostro inno nazionale (non mi è mai piaciuta né per le cose che ha detto né per come si è comportata, ritengo che l’altra metà del cielo possa aspirare a molto di più); i bisticci sul tema sanità al cui incontro di chiarimento Pd e socialisti non hanno mandato nessuno; il pandemonio delle primarie fino alla situazione odierna in cui il pd ha due candidati, uno ufficiale in coalizione e uno di riserva, rinnegato ma non espulso; entrambi si sono rivelati ectoplasmi, non basta il patto con gli elettori o candidarsi ufficialmente alla guida della conferenza dei sindaci per rappresentare un cambiamento reale, bensì dimostra assenza di contenuti e di iniziativa". 

I contenuti sono mancati, secondo il candidato della lista di sinistra: "Non ho sentito parlare di miglioramenti nel trasporto pubblico locale (mi perdoni sindaco Grasso, ma la “metropolitana di superficie” chissà quando la vedremo ed è comunque di vallata, non di Montevarchi), nei dibattiti non ho sentito parlare di politiche giovanili completamente assenti dalla vita amministrativa; vi siete accodati quasi su tutto, bandi europei, strutture sportive, per non parlare dei rifiuti. La verità? Noi saremo approssimativi, ma voi non avete la più pallida idea di come fare a cambiare veramente Montevarchi, siete come su un pallone che avete fatto sgonfiare lentamente negli ultimi 15 anni e solo ora vi accorgete che è a terra e cercate in ogni angolo una pompa per rigonfiarlo, siete in emergenza".

"Anche questa è polemica? Sì, ovviamente! Che spero vi serva da lezione, avete fatto diventare Montevarchi lo zimbello del Valdarno e visto che con voi arrabbiarsi e urlare non vale niente, magari così ve ne accorgerete! Siete vecchi (con tutto il rispetto per gli anziani e la loro saggezza) e ostinati a volervi tenere quella maledetta poltroncina, forse dovreste andarvene via da soli. Il 5 di giugno c’è la possibilità di mandarvici a casa, spero proprio che i montevarchini la sfruttino, affinchè la città possa davvero cambiare aria e ripartire!", conclude Claudio Cincinelli.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati