20, Luglio, 2024

Carnevale, arriva la prima domenica con carri, maschere e sfilate. La tradizione che si rinnova grazie a volontari e associazioni

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Fra tradizione e innovazione, anche il Carnevale cambia maschera in Valdarno. Spesso affidato a volontari e associazioni, si celebrerà in molte piazze con i carri o le sfilate. E poi ci sono le splendide maschere dei Figli di Bocco: davvero da non perdere

Basterebbero certo anche solo un po' di bambini muniti di coriandoli: e sarebbe già Carnevale. Ma quando ci sono i carri, le sfilate, e magari anche le maschere, è tutta un'altra cosa. In Valdarno torna anche quest'anno la tradizione delle feste del Carnevale: che sarà festeggiato domenica 8, domenica 15 e il martedì grasso, 17 febbraio. 

Dove? Ovunque ci siano persone piene di buona volontà. Perché per la maggior parte il Carnevale, nei comuni valdarnesi, è messo in piedi da associazioni e semplici volontari, che organizzano, preparano, progettano nel corso di tutto l'anno, e in particolare nel mese precedente l'uscita. 

A Figline, ad esempio, la sfilata dai Salesiani fino alla piazza Marsilio Ficino si farà proprio grazie ai volontari dell'Oratorio. E martedì la festa sarà accompagnata anche dal concorso per la mascherina più bella, indetto dalla Pro Loco. 

È la Società del Carnevale insieme alla Pro Loco di San Giovanni ad aver riportato in vita, da un paio d'anni, la tradizione dei carri nel centro storico. Nei tre giorni della festa ci saranno anche bande musicali caratteristiche, gruppi folkoristici e il concorso per le maschere più belle. 

A Montevarchi l'intero programma, che coinvolge il capoluogo e le frazioni, è coordinato dal comune: sabato 7 in serata il tradizionale concorso del “Pinocchio D’Oro” al Circolo Stanze Ulivieri. Domenica i Corsi Mascherati (che si ripeteranno il 15 e 17 febbraio), in Piazza della Repubblica: è qui, infatti, il cuore del Carnevale montevarchino, curato dal Comitato Carnevale dei Ragazzi. Alla realizzazione dei carri ha collaborato anche il Tavolo Povertà. A Ricasoli, la Festa di Carnevale, organizzata da Comune e Parrocchia, si terrà il 14 febbraio; a Levane domenica 15 febbraio in Piazza Del Secco: l'organizzazione è dell’Associazione Culturale Leonia in collaborazione con Parrocchia, Slow Food, Circoli Acli e Arci, Circolo Filatelico “Varchi” e gli abitanti di Levane Alta. Chiude i festeggiamenti il Pestello, domenica 22 febbraio, con il concorso “La migliore Mascherina”, in collaborazione con la Cooperativa Pestello. 

A Terranuova le sfilate si terranno domenica 15, martedì 17 e domanica 22, sempre dalle 14,30. Nel centro storico la sfliata in maschera con i carri allegorici da Piazza della Liberazione fino a Piazza della Repubblica: a realizzare gli otto carri allegorici di quest'anno sono stati volontari, società sportive, cittadini e gruppi di ragazzi. 

Volontari e pro loco all'opera anche a Bucine e Ambra: ognuna delle due domeniche, dalle 14,30, sfilano nei due paesi i carri allegorici realizzati dai volontari. La sfilata coinvolge i centri dei paesi e i bambini e i ragazzi del territorio.

A Vacchereccia carri pronti per la doppia sfilata di domenica 8, con la premiazione della mascherina più bella, e di domenica 15, con l'estrazione dei biglietti della lotteria del carnevale. Anche qui, tutta l'organizzazione è a cura dei volontari della frazione di Cavriglia, che hanno ideato e assemblato i carri. 

Associazioni sportive e non solo coinvolte nel Carnevale Reggellese: società Basket Reggello, Tennis Club Reggello, S.S. Resco Reggello, Filarmonica G. Verdi, ACR di Cascia e Reggello, Palestra Energia. Si parte alle 14,30 di domenica da via Dante Alighieri per arrivare in Piazza Potente. Il 15 febbraio al palazzetto dello sport il Basket Reggello premierà le prime tre maschere più originali ed offrirà a tutti i bambini una ricca merenda. 

L'elenco delle feste organizzate da volontari e associazioni in tutto il Valdarno è lunghissimo, e potrebbe essercene sfuggito anche qualcuno. Da segnalare, però, è sicuramente uno dei carnevali più originali non solo del Valdarno, ma di tutta la Toscana: è il Carnevale dei Figli di Bocco, a Castiglion Fibocchi. 

Le due uscite delle meravigliose maschere in stile barocco, che contraddistinguono il carnevale di Castiglion Fibocchi, si terranno nei pomeriggi di domenica 8 e domenica 15 febbraio, tempo permettendo. Re Bocco le accompagnerà in sfilata per il paese, dove i visitatori le potranno ammirare e fotografare. L'ingresso al paese sarà dietro pagamento di un biglietto. 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati