02, Dicembre, 2022

Asl8, “Liste d’attesa in stallo e turn over bloccato”: la denuncia di Stefano Mugnai

Più lette

In Vetrina

Il consigliere regionale di Forza Italia, Stefano Mugnai, Vicepresidente della Commissione sanità, lancia l’allarme: “Arezzo non è ancora tra le peggiori Asl della Toscana. Non lasciamo che lo diventi”

Tra i casi limite c'è anche l'ospedale del Valdarno, dove servono 372 giorni di attesa er effettuare un ecocolordoppler cardiaco. Un esempio, secondo il consigliere regionale di Forza Italia Stefano Mugnai, anche lui valdarnese, dei problemi della Asl8. Mugnai, che è anche Vicepresidente della Commissione sanità del Consiglio regionale, lancia il suo allarme: "Liste d’attesa in stallo ormai da anni, il turn over bloccato del personale sanitario e l’annunciata diminuzione delle risorse in arrivo dalla Regione fanno temere il peggio, anche perché qui per far quadrare i conti si sta rasentando il limite di sopportabilità per i servizi al cittadino che dovrebbero essere la priorità di un sistema sanitario pubblico"

Si è imboccata, secondo Mugnai, una china pericolosa che mal si sposa con l’aumento dei bisogni di una popolazione in progressivo invecchiamento: "La tenuta contabile non può essere la sola priorità del sistema sanitario – riflette Mugnai – il risparmio dovrebbe arrivare dalla riduzione degli apparati e delle sovrapposizioni burocratiche, invece qui si sta cercando di fare cassa senza adoperarsi per sanare le magagne. Penso ad esempio alle liste d’attesa: nella nostra Asl la situazione è più o meno stabile ormai da anni. Molte prestazioni si collocano, per questo indicatore, in un range positivo, ma le criticità sono molte e pronunciate, come nel caso dei 372 giorni di attesa oggi necessari per effettuare un ecocolordoppler cardiaco in Valdarno, o i 150 previsti per una prima visita ginecologica"

"In casi del genere il comportamento del paziente in stato di bisogno è facilmente prevedibile: imbocca la via del cup intramoenia e, pagando e quindi con guadagno dell’azienda sanitaria, prenota in libera professione la medesima prestazione, con lo stesso medico ma in pochissimi giorni. Ma questo non va. Il pubblico deve saper mettere in campo un livello adeguato di risposta per l’appunto ‘pubblica’, e non sospingere il paziente verso la libera professione negandogli, di fatto, la possibilità di scegliere dinanzi a tempi che si dilatano oltre il limite della ragionevolezza"

Assumere, dunque, e investire in tecnologie: sono queste le due necessità, secondo Mugnai. Anche per trattenere le troppe professionalità che negli ultimi anni hanno scelto di abbandonare la Asl8. Mentre si prospettano nuove riduzioni nei finanziamenti regionali: "Per questo bisogna liberare le risorse economiche che attualmente sprofondano nelle sabbie mobili di burocrazie e apparati. Arezzo, sotto il profilo sanitario, non è certo l’azienda peggiore. Sarebbe un peccato lasciare che lo diventi"
 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati