20, Luglio, 2024

Il divieto di accesso dei Giardini Morelli si trasforma in una figura femminile. Il regalo di Clet per la Festa della Donna

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

L’artista francese, che ha il proprio studio in San Niccolò a Firenze, ha voluto fare un regalo a Figline e Incisa per la Festa della Donna. Modificato un divieto di accesso ai giardini Morelli. E assicura: “Farò altre incursioni in paese”.

“La vera regina non ha bisogno di corona”. Questo è il titolo dell’opera realizzata a sorpresa da Clet Abraham a Figline e Incisa.
 
Il pittore e scultore bretone, fiorentino d’adozione visto che lavora in Italia dal 1990 e ha uno studio in San Niccolò, è diventato famoso per aver “stickerato” i cartelli stradali di Firenze ed altre importanti città internazionali. E in occasione della festa della donna, ha deciso di fare un regalo a Figline e Incisa, modificando un divieto di accesso ai giardini Morelli, proprio dietro il municipio.
 

 “Si tratta di un omaggio alla donna ed è la prima volta che raffiguro un soggetto femminile. E’ una figura nuda e potrebbe quindi sembrare una donna-oggetto, ma è all’interno di un cartello di divieto e quindi vuole trasmettere un messaggio di rispetto per la figura femminile. Da qui anche il titolo: la vera regina non ha bisogno di corona. La vera donna non ha bisogno di niente per essere quello che è” spiega Clet Abraham, la cui compagna – Mami Urakawa – è stata arrestata in Giappone ad Osaka proprio per averlo aiutato a modificare un'ottantina di cartelli stradali.
 
L’artista annuncia un progetto con il Comune e spiega di aver scelto Figline e Incisa per realizzare un’opera dedicata all’otto marzo anche per la presenza di una giunta molto al femminile e quindi sensibile al tema.
 

“E’ stata una bella sorpresa – è il commento della sindaca Giulia Mugnai, accompagnata dall’assessore al bilancio Silvia Tonveronachi – oggi iniziamo questa collaborazione con un artista internazionale ed è significativo che questo avvenga proprio prima dell’otto marzo. Il corpo delle donne non va violato: questo è iI messaggio che l’artista, con la sua semplicità e chiarezza, vuole lanciare. Si tratta solo l’inizio di un progetto che interesserà anche i ragazzi sulla sicurezza stradale. Un modo per spingere i giovani a porre attenzione alla segnaletica stradale e al rispetto del Codice della Strada in maniera alternativa, senza forzature e imposizioni. Per questo siamo orgogliosi di iniziare questo percorso con Clet”.
 
E proprio l'artista francese assicura:
"Farò altre incursioni in paese prossimamente. Penso che passando dalla stazione modificherò altri cartelli stradali".

 

Articoli correlati