05, Febbraio, 2023

Ex Impero, Chiassai interviene su facebook: “Nessun pericolo per la salute pubblica”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

La prima cittadina interviene sul social network dove tanti cittadini chiedevano risposte sul fronte della messa in sicurezza del tetto, parzialmente crollato e composto di amianto. Secondo il sindaco, “i controlli ambientali hanno certificato l’esclusione del pericolo per la salute pubblica”

Arrivano da facebook le rassicurazioni del sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini ai cittadini preoccupati per i rischi connessi al parziale crollo del tetto dell'ex Teatro Impero, composto in eternit. Secondo la prima cittadina non ci sarebbe "alcun rischio per la salute pubblica", sulla base di alcune rilevazioni effettuate sul posto nel mese di febbraio.

Non solo: Chiassai spiega anche che il comune non può far fronte, dal punto di vista economico, alla bonifica del tetto, sostituendosi così al privato proprietario che non ha al momento ottemperato alle due ordinanze in merito (e che ha presentato ricorso contro queste ordinanze). Quella emessa a dicembre dopo il crollo, lo ricordiamo, prevedeva l'obbligo a carico della proprietà di "provvedere immediatamente all'inizio delle operazioni di bonifica e di rimozione della copertura" perché "il pessimo stato di conservazione delle lastre che costituiscono la copertura del cinema-teatro Impero le rende suscettibili di ulteriori cedimenti e/o crolli con serio pregiudizio per l'incolumità, la sicurezza e la salute pubblica derivato anche dalla particolare volatilità delle fibre di amianto".

Oggi, nel suo posto su facebook, Chiassai Martini scrive: "L’ex Cinema-Teatro Impero, come i cittadini ben sanno, è una proprietà privata che versa in un evidente stato di abbandono e che rappresenta una ferita aperta per la città. Purtroppo, la vicenda è inserita in un contesto molto complesso per competenze e modalità di intervento anche dal punto di vista dell’impiego delle risorse necessarie. Non è ipotizzabile al momento l’utilizzo di soldi pubblici, quindi della comunità montevarchina, per la bonifica del sito".

"Tengo a precisare, peraltro, che, differentemente da un certo comprensibile allarmismo della popolazione residente, i controlli ambientali effettuati in loco hanno certificato l’esclusione del pericolo per la salute pubblica. I campionamenti sono stati eseguiti recentemente, in data 14 febbraio 2018, nelle postazioni collocate in via Pascoli e nel giardino dell’Asilo comunale “la Coccinella” con lo scopo di verificare l’eventuale dispersione in aria di fibre di amianto provenienti dalla copertura dell’Ex Cinema-Impero, con esito negativo". I dati sono stati tutti pubblicati sul sito internet del comune di Montevarchi (consultabili a questo link). 

"L’Amministrazione comunale – prosegue la prima cittadina – non è mai restata inerme rispetto a questa incresciosa situazione. Nel 2017 sono state emesse due ordinanze specifiche, anche a seguito di verbale dell’Azienda Asl e di un crollo parziale del tetto, in cui si intimava alla proprietà di procedere urgentemente alla bonifica della copertura del cinema teatro; visto che nessuna operazione era stata intrapresa, questa amministrazione comunicava alle autorità preposte l’inottemperanza ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale. La proprietà ha presentato un ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per l’annullamento dell’ordinanza di bonifica. Il Comune ha fatto tutto quanto era nelle proprie facoltà per assicurare, innanzitutto, la salute pubblica ed avere certezza che questa non fosse stata messa in pericolo dal crollo", conclude Chiassai Martini. 

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati