28, Novembre, 2022

Calò torna all’attacco di Aer: “Possibili conflitti d’interesse e incapacità gestionali. Maida vicesindaco alla Rufina ha un incarico di responsabilità nella società: si dimettano i vertici”

Più lette

In Vetrina

Andrea Calò, consigliere di Rifondazione a Reggello, torna all’attacco su Aer: “Ancora non pervenute le dimissioni dei vertici”. E denuncia: “Possibili conflitti di interesse: Vito Maida ha un ruolo di responsabilità nella società ed è stato nominato vicesindaco della Rufina”. Calò torna a chiedere le dimissioni del cda, guidato da Silvano Longini, “per manifesta incapacità”.

Andrea Calò torna all’attacco di Aer, la società mista che si occupa della gestione dei rifiuti del Valdarno e della Valdisieve: “Il cda si dimetta per manifesta incapacità gestionale”.  Il consigliere provinciale e comunale di Reggello chiede anche che “venga nominato senza alcun indugio l’ amministratore unico per liquidare la società di scopo Aer Impianti srl e che il Comune di Rufina revochi le deleghe a Maida per settori sui quali l’Ente ha appalti con la società da cui proviene lo stesso, al fine di evitare possibili conflitti di interesse e la necessaria questione morale”.

Calò sottolinea:  “Ancora nessuna dimissione da parte del CdA di AER spa,  gestita dall’ex Sindaco di Figline Valdarno – nonostante le pessime performance gestionali in materia di smaltimento dei rifiuti e soprattutto per gli esorbitanti costi degli organi (il compenso complessivo per l’anno 2013 è stato di € 60.373,73) , per nomine non del tutto motivate, per l’esiguità dei risultati raggiunti e in ultimo per il malfunzionamento dei servizi e lo scarso rigore profuso nelle varie attività alcune delle quali come la cattiva gestione della banca dati alla Tares e Tia per il Comune di Reggello che ha portato un danno all’intera comunità”.

Calò ha recentemente presentato un esposto alla Corte dei Conti Regionale, al fine di verificare “se esiste un danno erariale e se sono compatibili i ruoli negli organigrammi delle società. L’azzeramento dei vertici societari come da noi richiesto sarebbe dovuto avvenire quale motu proprio, anche in osservanza di un buon costume amministrativo che è sempre stato in vigore nelle società pubbliche e che riguarderebbe il fatto che quando le Amministrazioni Comunali che sono i soci principali di una spa procedono a rinnovare le proprie cariche rappresentative a partire dai primi cittadini, sarebbe buon costume che gli amministratori nominati da altri primi cittadini si dimettessero”.

“ Mentre siamo in attesa che venga nominato un amministratore unico per liquidare la società di scopo Aer impianti srl, anche a seguito delle dimissioni dell’intero Cda e per il venir meno dell’affaire inceneritore di Selvapiana, ecco che il Comune della Rufina nomina Maida Vito che è il coordinatore dei servizi per il verde di Aer spa quale Vicesindaco con deleghe ai Lavori Pubblici, Arredo Urbano, Sviluppo Economico”.

“Una scelta inopportuna e poco coerente con la questione morale e con una società che non brilla sul piano della coerenza e trasparenza – commenta piccato Andrea Calò – Ricordo che il Comune di Rufina ha in appalto anche la gestione dei giardini pubblici (potatura, taglio di erba, messa in sicurezza delle piante ecc.) e proprio per questo motivo sarebbe stato opportuno verificare l’esistenza di eventuali conflitti di interesse e se tale nomina è conforme alla normativa attuale e che riguarda l’incompatibilità tra l’assunzione e lo svolgimento di incarichi e cariche in enti di diritto privato regolati o finanziati dalla P.A. che conferisce l’incarico”. 

Articoli correlati