19, Agosto, 2022

Caso rimborsi Aer, Interviene Calò con un’interrogazione chiedendo al sindaco una presa di posizione

Più lette

In Vetrina

Il consigliere comunale di Rifondazione comunista a Reggello, Andrea Calò, presenta un’interrogazione urgente al sindaco sulla vicenda dei rimborsi spesa al presidente e al direttore generale di Aer spa. “La legge molto probabilmente offre questa opportunità a manager di società anche semipubbliche. Resta però il dato politico”

Non si placano le polemiche per i rimborsi del presidente e del direttore generale di Aer spa. Il consigliere comunale di Rifondazione comunista di Reggello, Andrea Calò, presenta un'interrogazione urgente nella prossima seduta consiliare con la quale chiede al sindaco di "esprimere una posizione in merito a detti rimborsi, su quale norma vengono concessi data la natura di Aer spa, quale organo ha deciso di concedere detti rimborsi, se sono ritenuti opportuni, giusti e congrui date le motivazioni apportate, i luoghi e le missioni svolte. Altresì si chiede di sapere se il Sindaco intende porre alla Spa e agli organi di rappresentanza un limite e/o un diniego su detti rimborsi proprio perché sono ingiusti, inopportuni e carico della fiscalità generale”.

La vicenda ormai nota riguarda i rimborsi spesa per l'uso della propria auto al presidente di Aer, 8.483,37 euro, e al direttore generale, 3.023,46 euro. Rimborsi che suscitarono stupore e indignazione, in maniera particolare, nel Movimento 5 Stelle e in Rifondazione comunista che nel mese di agosto resero noti tutti i dati.

"Larghissima parte dei chilometri effettuati da Longini e per i quali sono stati chiesti i rimborsi sono stati nel 2013 per andare da casa a lavoro.  62,4 chilometri al giorno che vengono considerati “fuori Comune” e rimborsati con il metodo Aci: la società mista paga al presidente, ex sindaco di Figline 0,53 euro a chilometro. Tradotto: 33 euro a viaggio per raggiungere la Rufina. Per andare a Firenze invece 118,5 chilometri: 62,805 euro. I viaggi più lunghi, e sono pochi, sono per andare alla sede di Revet a Pontedera – 228,2 chilometri – e una volta a Barberino del Mugello nella sede di Tele Iride: 150 chilometri".

Adesso Andrea Calò torna sull'argomento con un'interrogazione.

“La legge molto probabilmente offre questa opportunità a manager di società anche semipubbliche. Resta però il dato politico: è accettabile che un amministratore nominato dalla politica e già con un lauto stipendio, 44mila euro lordi Silvano Longini 122.053 Giacomo Erci, si faccia rimborsare anche la benzina per il tragitto casa – lavoro conteggiando in alcuni casi anche poche centinaia di metri di differenza, o per andare in un’altra società di cui è amministratore?".

Il consigliere di Rifondazione comunista dopo aver sottolineato "la disinvoltura e la scarsa sensibilità che il Presidente mostra nel richiederli" e che "i costi per i rimborsi spesa per l’uso di auto propria vanno a finire anche nei costi gestionali a carico dei cittadini", si rivolge, dunque, al sindaco di Reggello chiedendo una sua presa di posizione e alcuni chiarimenti.

 

Articoli correlati