19, Agosto, 2022

Aer: il nuovo presidente è Giordano Benvenuti, già membro del CdA. “Ora riduciamo le indennità”. Giulia Mugnai: “Auspicavo un ricambio completo”

Più lette

In Vetrina

Nuovi vertici per la società, dopo la decadenza di quelli in carica: ma solo un membro è nuovo. Il presidente era nel CdA, così come l’altro nominato, Emanuele Rappa. New entry è Leonardo Pasquini. Benvenuti promette: “Riduzione indennità e taglio dei costi”. Ma il sindaco di Figline e Incisa è critica: “Speravo in un rinnovamento, non in un rimpasto”

Nuovo presidente, nuovo CdA: nominati i vertici di Aer Spa, la società che si occupa della gestione del ciclo dei rifiuti in Valdarno fiorentino e Valdisieve. Ma di nuovo, in realtà, c'è solo un terzo dei membri. E così il rinnovamento, necessario dopo l'azzeramento di tutti i vertici, appena quindici giorni fa, ha per due terzi la portata di un 'rimpasto'.

Partiamo dalle cariche. Il nuovo presidente è Giordano Benvenuti: Dottore Commercialista, laureato in Finanza ed Amministrazione e controllo, Benvenuti era uno dei due membri del CdA che si sono dimessi a fine settembre, portando alla decadenza l'ex presidente Silvano Longini. L'altro membro del Consiglio di Amministrazione dimissionario, Emanuele Rappa, è stato nominato anche nel nuovo CdA. 

Il terzo membro del nuovo Consiglio di Aer è Leonardo Pasquini, ex assessore di Pontassieve. Ed è l'unica new entry nei vertici aziendali. A decidere tutto è stata l'assemblea dei soci di Aer, ieri mattina: assemblea composta dai sindaci del territorio di riferimento, e quindi dei comuni di San Godenzo, Dicomano, Londa, Rufina, Pontassieve, Pelago, Reggello, Figline e Incisa, Rignano.

Nella mattinata sono state anche presentate e discusse le nuove linee guida di gestione aziendale. "Il lavoro in partenza da oggi – si legge in una nota di Aer – sarà improntato alla razionalizzazione e contenimento dei costi, con la previsione di una riduzione dell'indennità del Presidente stesso e dei membri del CdA".

Ma il sindaco di Figline e Incisa, Giulia Mugnai, si dice soddisfatta solo per metà. "Trovo molto positive le linee guida fissate nel nuovo documento di governance approvato ieri dall’assemblea e promosso, in particolar modo, dai soci pubblici. Abbiamo introdotto misure di verifica trimestrali che stabiliscono controlli sia a livello di erogazione del servizio, sia a livello economico-finanziario. Ma soprattutto, attraverso il documento si dà finalmente il via ad un’importante azione di spending review che punterà ad abbattere costi ormai divenuti non più sostenibili".

"In considerazione del cambio di passo richiesto dai soci pubblici sotto il profilo delle politiche aziendali – aggiunge Mugnai – avrei auspicato più coraggio anche dal punto di vista delle scelte dirigenziali. Nel dare un nuovo mandato al CdA avrei ritenuto opportuno un rinnovamento completo, anziché un ‘rimpasto’ che per due terzi mantiene inalterato il cda stesso. Una scelta di questo tipo avrebbe ulteriormente rafforzato l’input politico venuto dai Sindaci che punta alla sobrietà, alla riqualificazione e al contenimento dei costi, in favore di un servizio di gestione dei rifiuti più efficiente ed efficace". 
 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati