02, Luglio, 2022

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

La magia delle balze illuminate protagonista della “Notte romantica” e di altri due eventi

Più lette

In Vetrina

Le balze che si illuminano di notte, uno spettacolo suggestivo che l’anno scorso, alla prima edizione, ha riscosso un enorme successo di pubblico e che l’Amministrazione comunale di Castelfranco Piandiscò, per questo motivo, replicherà tre volte nell’estate 2022. Il primo appuntamento è sabato 25 giugno, in occasione della “Notte romantica dei borghi più belli d’Italia”, e protagoniste saranno le balze di Castelfranco (nella foto sopra, l’evento dell’anno scorso); gli altri due appuntamenti saranno in programma il 2 luglio, a Faella (nella foto sotto, le prove), e poi ancora il 22 luglio sempre a Castelfranco. La partecipazione è libera.

“La prima iniziativa – ha spiegato l’assessore Caterina Galli – sabato 25 giugno sarà in concomitanza con l’evento che in tutta Italia vedrà coinvolti i Borghi più belli con il tema della musica ‘unplugged’, e nell’occasione sarà distribuita una torta preparata con una ricetta di Iginio Massari in piazzale dei Fossi a Castelfranco. Il 2 luglio saremo a Faella e sarà una novità, perché lo scorso anno non l’abbiamo fatto qui; il 22 luglio torneremo a camminare invece alle balze di Castelfranco. Come Amministrazione riteniamo che le balze siano un punto di forza da valorizzare, a cui dare sempre più importanza in termini di attrattività di turismo”.

“Le balze sono il cuore del nostro comune – ha detto il sindaco Enzo Cacioli – sono un centro propulsivo e attrattivo di turismo. Il progetto di illuminazione le renderà particolarmente interessanti: lo hanno dimostrato le numerose presenze dello scorso anno. Voglio ringraziare le tre Pro Loco dei nostri centri e il Gaib che illumina le balze in questa iniziativa. Sarà un appuntamento bello, a cui invito tutti a partecipare”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati