29, Novembre, 2022

Imparare di nuovo a respirare dopo il Covid: le attività della Clinica riabilitazione toscana

Più lette

In Vetrina

Riabilitazione post Covid, la Clinica riabilitazione toscana offre variegati servizi ed attività. “Abbiamo attivato questo servizio, pionieristicamente, già lo scorso anno, appena emersero i problemi post Covid di molti pazienti – ricorda Cristiano Scarselli, Vicedirettore sanitario e Responsabile medico dell’unità ospedaliera della CRT. Eroghiamo prestazioni in tre ambiti: ospedaliero, semiresidenziale e territoriale. In altre parole, siamo a disposizione sia in ospedale che in ambulatorio”.

“Il paziente viene preso in carico dal team multidisciplinare clinico-riabilitativo – sottolinea Scarselli – L’obiettivo è quello di restituire al paziente il miglior profilo funzionale globale raggiungibile tramite la riabilitazione. Il paziente deve imparare di nuovo, spesso, a respirare dopo la durissima esperienza del Covid. Lo fa attraverso un ciclo di trattamenti il cui numero varia a seconda delle condizioni e dei problemi che il Covid ha lasciato. E i trattamenti possono avvenire in ospedale per i casi più gravi: finora ne abbiamo trattati una quarantina”.

Ci sono poi quelle prestazioni che vengono definite semiresidenziali e ambulatoriali. “Le prime – spiega Elena Aldinucci, Direttore dello staff di riabilitazione della CRT – durano 3 ore a seduta. Le seconde 1 ora. I cicli sono, di norma, di 20 sedute distribuite in 3 settimane. I miglioramenti a fine ciclo sono netti ed evidenti. Il servizio prevede inoltre il monitoraggio del paziente finalizzato ad intercettare, precocemente, eventuali ricadute funzionali. Nel corso della valutazione iniziale, vengono identificati i pattern e i carichi di lavoro. Ogni paziente è monitorato telemetricamente dal cardiologo.” Ad oggi una quindicina sono i pazienti che hanno utilizzato finora i servizi ambulatoriali di riabilitazione pneumologica della CRT.

Articoli correlati