09, Dicembre, 2022

Vaccino anti-covid ai bambini, in Toscana la campagna di somministrazioni al via il 16 dicembre

Più lette

In Vetrina

Inizierà giovedì 16 dicembre in Toscana la somministrazione del vaccino anti Covid ai bambini dai 5 agli 11 anni. La campagna vaccinale pediatrica sul territorio regionale riguarderà circa 215.000 bambini, di cui circa 6.000 estremamente vulnerabili e portatori di particolari fragilità. Il ciclo vaccinale completo prevede la somministrazione di due dosi di vaccino Comirnaty (Pfizer) a distanza di 21 giorni l’una dall’altra.

A partire dal 10 dicembre alle 14.00 sul portale https://prenotavaccino.sanita.toscana.it sarà possibile prenotare la prima somministrazione che avverrà dal 16 dicembre in poi. L’annuncio è arrivato nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato, insieme al presidente Giani, il direttore della direzione sanità e sociale Federico Gelli, il segretario regionale della Federazione medici pediatri Valdo Flori, la dirigente regionale del settore servizi sul territorio Daniela Matarrese.

Stiamo predisponendo tutto – ha spiegato il presidente, Eugenio Giani – con grande attenzione alla sicurezza di tutti i bambini e in modo particolare di quelli fragili. Abbiamo chiesto alle Aziende di predisporre ogni nodo della rete affinché siano garantiti ambienti accoglienti e confortevoli per i piccoli e una specifica formazione per gli operatori sanitari. Per le somministrazioni ci avvarremo anche del prezioso contributo dei pediatri e dei medici di famiglia che lo faranno nei loro studi. Vaccinarsi in sicurezza si può e si deve, fin da piccoli”.

Le prime 97.000 dosi in arrivo saranno distribuite in maniera proporzionale alle Aziende sanitarie e su tutto il territorio regionale.

“Grazie all’esperienza della rete pediatrica regionale – spiega l’assessore regionale al diritto alla salute, Simone Bezzini – e della vaccinazione capillare garantite anche dai pediatri di famiglia e dai medici di medicina generale, e grazie anche alla dimostrata capacità dei nostri hub, siamo in grado di avviare velocemente questa nuova fase della campagna vaccinale, in modo da proteggere anche i più piccoli. Le Asl individueranno i luoghi dedicati alla vaccinazione pediatrica presso gli hub territoriali già in funzione o presso altre strutture appositamente scelte e i medici e i pediatri utilizzeranno i loro studi”.

Per quanto riguarda i bambini estremamente vulnerabili sarà istituita una rete vaccinale dedicata che fa riferimento alla rete pediatrica regionale ed è coordinata dal Meyer. I bambini fragili saranno chiamati direttamente dai Centri che li hanno in cura.

 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati