07, Ottobre, 2022

Telecamere in luoghi ‘sensibili’: il consiglio dice no. Centro sinistra: “Meglio la formazione di educatori e insegnanti”

Più lette

In Vetrina

Respinta la mozione presentata dal consigliere Roberto Martini, gruppo Lega Nord – Salvini Premier

Telecamere negli asili, nelle strutture di assistenza e cura di anziani e disabili e nelle scuole d'infanzia: il consigliere Roberto Martini, gruppo Lega Nord – Salvini Premier presenta una mozione in consiglio comunale per la loro installazione, appoggiata dalle List civiche sangiovannesi, ma il Centro sinistra per San Giovanni dice 'no'.

"I due interventi dei consiglieri Alberto Marziali e Laura Ermini  – afferma il gruppo della maggioranza – non tendono al momento aprendere posizione nel merito della stessa quanto, piuttosto, evidenziare la carenza degli strumenti attuativi per accedere ai fondi destinati".

"Il punto 3 dell'art. 5 septies del D.L. 32 del 18 aprile 2019 prevede che con apposito provvedimento normativo si provveda a dare attuazione agli interventi ivi previsti ma, allo stato attuale, tali provvedimenti non sono stati presi. Oggi è stato predisposto unicamente il DDL S 546 – XVIII Leg., di cui è relatrice la senatrice Gabriella Giammarco, ora all'esame delle diverse commissioni interessate, che è ripetutamente oggetto di modifica ed integrazione, proprio nel tentativo di colmare il vuoto “concreto” lasciato dal punto sopra richiamato. Tra i vari problemi pratici da risolvere il difficoltoso coordinamento con il provvedimento in materia di videosorveglianza dell'8 aprile 2010 del Garante per la Protezione dei Dati Personali e il Regolamento (UE) 2016/679; l'insufficienza dei fondi stanziati rispetto al numero delle strutture in cui dovrebbe avvenire l'installazione; la mancata indicazione di come verranno archiviate ed utilizzate le registrazioni".

"Quindi seppur sensibili al problema della sicurezza nelle scuole e negli istituti per anziani, al momento si ritiene che si debba investire maggiormente sul piano formativo di educatori e insegnanti piuttosto che creare un clima investigativo a prescindere".

Articoli correlati