09, Agosto, 2022

Taglio del nastro a Bellosguardo per ‘Pietra Sublime’, simposio internazionale quest’anno dedicato alle vittime del Covid

Più lette

In Vetrina

Grazie all’opera dei dodici scultori arrivati da ogni parte del mondo, il comune di Cavriglia ospiter uno dei pi grandi parchi di scultura d’Italia dedicato alle vittime del Covid. All’inaugurazione presente il presidente della Regione Eugenio Giani

È stato inaugurato il secondo Simposio internazionale di scultura "Pietra Sublime": taglio del nastro, accompagnato dalla musica della banda dei bambini, è avvenuto alla presenza del Presidente della Regione, Eugenio Giani, a fianco del sindaco Leonardo Degli Innocenti o Sanni, gli assessori della giunta, il Consigliere regionale Ceccarelli, sindaci e amministratori valdarnesi oltre ovviamente ai dodici artisti internazionali che sono i protagonisti dell'evento. 

 

Fino al 13 giugno, questi artisti lavoreranno a Bellosguardo, accanto ad uno dei parchi fotovoltaici più grandi d'Europa, e con le loro opere scolpite in altrettanti blocchi di travertino consegneranno a Cavriglia e al Valdarno un parco monumentale dedicato alle vittime del Covid: una inziativa tra le più importanti, dunque, per il mondo dell'arte e nello specifico della cultura, per segnare la ripartenza dopo la pandemia, tanto che anche una troupe del Tg1 ha dedicato un servizio all'evento. 

Il Simposio, con l'alto patrocinio e il contributo della Regione Toscana e del Parlamento Europeo, è realizzato dall'Amministrazione comunale di Cavriglia in collaborazione con AIESM, l'Associazione Internazionale di Eventi di Scultura Monumentale, e il supporto tecnico di Sicureco. Alla base dell'evento, come hanno raccontato anche i dodici artisti, c'è la volontà di raccontare attraverso l'arte la ripartenza del mondo, e la scultura diventa così mezzo di dialogo interculturale, ma anche di promozione della pace e della cooperazione nel mondo.

 

"Lanciamo un messaggio di speranza e di ripartenza, senza dimenticare il passato recente di sofferenza. La dedica alle vittime del Covid – ha ricordato il sindaco Degli Innocenti o Sanni – non è solo per chi ha perso la vita, ma anche per tutti coloro che hanno sofferto, hanno perso il lavoro, hanno vissuto momenti difficili per la pandemia: a tutti loro sarà dedicato questo meraviglioso parco". "Il Covid ha segnato profondamente la nostra vita – ha aggiunto il presidente della Regione Giani – la cultura e l'arte sono espressioni con cui dare un senso di memoria e contemporaneamente di stimolo alla ripartenza attraverso la bellezza. È un messaggio straordinario, quello che parte da Cavriglia, e che abbraccia tutta la Toscana". 

 

Le statue realizzate e donate dagli artisti partecipanti (qui tutte le loro biografie) saranno installate poi proprio a Bellosguardo, nel giorno della chiusura del Simposio, e saranno illuminate anche di notte, in un suggestivo allestimento immerso proprio nell'area verde della collina cavrigliese. 

 

 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati