24, Luglio, 2024

Sui rifiuti si incrinano i rapporti fra Sel e la maggioranza. “Decisioni prese senza interpellarci”

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Conferenza stampa dei rappresentanti di Sinistra Ecologia e Libertà: a Terranuova si va verso la rottura con la maggioranza. “Su tre temi l’amministrazione è andata per conto suo, senza consultarci, senza rispettare il programma elettorale”. Sul tavolo ci sono discarica, rifiuti e centro storico

Si spezza su temi caldi come la gestione dei rifiuti, la discarica di Podere Rota, e la riapertura al traffico di via Roma, l'armonia fra Sel e la maggioranza a Terranuova. Sinistra Ecologia e Libertà, che alle ultime elezioni amministrative aveva appoggiato il candidato sindaco Sergio Chienni entrando nella sua coalizione, oggi si smarca e chiede alle altre forze politiche di maggioranza, prima fra tutte il Partito democratico, di prendere una posizione chiara. 

A portare alla rottura sono tre decisioni assunte dall'Amministrazione comunale nelle ultime settimane: "Tutte e tre assunte senza consultarci – sottolinea il Coordinatore di Sel del Valdarno aretino, Francesco Tozzi – e questo nonostante si tratti di tre provvedimenti che hanno un peso importante per i cittadini, e che in parte vanno anche contro al programma elettorale presentato ai terranuovesi e condiviso dalle forze della coalizione". 

La prima questione sul tavolo è relativa all'arrivo di rifiuti da Firenze a Podere Rota. "Il ruolo dell'impianto – ha spiegato Alfonso Catone, membro dell'assemblea provinciale di Sel – avrebbe dovuto divenire marginale: e invece verranno accolte altre 32mila tonnellate di rifiuti provenienti da altre zona della Toscana". Poi c'è il nodo delle tariffe: "In sede di Ato l'amministrazione di Terranuova ha votato a favore del piano che prevede l'aumento delle tariffe dei rifiuti, costi che graveranno sui cittadini".

Infine, la questione del centro storico: è di pochi giorni fa l'annuncio del sindaco Chienni della riapertura al traffico di via Roma, il sabato pomeriggio: "Eppure – commentano gli esponenti di Sel – da programma elettorale l'impegno sul centro storico era chiaro, doveva diventare il salotto buono della città. Non è certo riaprendolo al traffico che si ottiene questo scopo". 

Non avendo consiglieri eletti, la rottura tra Sel e la maggioranza non porta a cambiamenti all'interno del Consiglio comunale di Terranuova. Si apre comunque una questione politica per la quale i responsabili di Sinistra Ecologia e Libertà chiedono a Pd e maggioranza di spiegare ai cittadini queste scelte. 

Glenda Venturini
Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati