26, Giugno, 2022

Serristori, nuovo medico oncologo grazie al Calcit del Valdarno fiorentino

Più lette

In Vetrina

La dottoressa che sostituisce la collega Vannelli è stata inserita grazie al finanziamento del Calcit

È la dottoressa Laura Trombetta, il nuovo medico oncologo del Serristori. Dallo scorso 27 agosto sta lavorando nel  reparto di Oncoematologia grazie ad una borsa di studio interamente finanziata dal Calcit Valdarno Fiorentino. Laura Trombetta sostituisce così la collega Agnese Vannelli.

Fiorentina, la nuova dottoressa, da sempre appassionata di Medicina, dopo gli studi liceali al “Leonardo da Vinci” di Firenze, ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Ateneo Fiorentino, con una tesi inerente il tumore della mammella. Nel corso dei suoi anni accademici ha seguito, inoltre, corsi specifici di oncologia, presso il Centro “Protoni” di Baltimora, negli Stati Uniti. Specializzata in Radioterapia, con una tesi sul glioblastoma, una forma tumorale e molto aggressiva del sistema nervoso, la dottoressa Trombetta sta ultimando un master in Terapia del Dolore.

“Sono molto entusiasta di questo nuovo incarico – ha sottolineato la giovane oncologa – poiché ho modo di confrontarmi con colleghi molto preparati all’interno di una realtà non grande, ma molto ben organizzata, dove ogni singolo caso sanitario è trattato con grande professionalità, ma soprattutto con una carica umana non indifferente. Sono lieta, quindi, di apportare al reparto, oltre che le mie competenze professionali, anche molto entusiasmo e desiderio di “fare gruppo”, alla base di ogni successo, sia nella medicina che in ogni aspetto della vita. Grazie, quindi, al Calcit Valdarno Fiorentino che mi sta permettendo di vivere questa esperienza al servizio dell’intera comunità”.

Bruno Bonatti, presidente del Calcit del Valdrano fiorentino: “Con l’ingresso della dottoressa Trombetta all’interno del Reparto oncoematologico del “Serristori”di Figline – ha spiegato il dirigente – aggiungiamo un ulteriore tassello alla professionalità di questo Padiglione, una vera e propria eccellenza nel panorama della sanità toscana, cercando di ampliare sempre maggiormente le presenze di medici oncologi e ematologi sul territorio, quindi al servizio dei tanti cittadini che, credendo in noi, si impegnano sostenendoci nelle varie iniziative e raccolta fondi. Un grazie sincero a tutti loro. Il nostro da sempre è un lavoro di squadra per aiutare i pazienti oncologici e le loro famiglie potenziando le strutture sanitarie della città, in modo particolare il DH Oncoematologico, recentemente ampliato anche grazie a un nostro significativo contributo economico, cioè di circa 60.000 euro”.

Con l’inserimento lavorativo di Laura Trombetta, sono tre le figure professionali che attualmente operano nel padiglione oncologico grazie a borse di studio finanziate interamente dal Calcit: la dottoressa Alessandra Schiavon, psicologa, psicoterapeuta e psiconcologa, prezioso aiuto nel sostegno dei malati tumorali e dei loro familiari, e Luciana Pasqui, collaboratrice amministrativa di grande utilità nel disbrigo delle diverse pratiche burocratiche all’interno del Reparto, nei confronti del quale il Calcit ha investito veramente molti soldi per l’acquisto di strumentazione scientifica sempre di ottima qualità. Circa un milione e trecentomila euro, la cifra donata dalla Onlus del Valdarno Fiorentino per la causa oncologica.

 

 

 

Articoli correlati