27, Giugno, 2022

Rissa nella notte, coinvolte sette persone. Sei gli arresti, uno finisce all’ospedale in gravi condizioni

Più lette

In Vetrina

Serata movimentata al Vintage di Figline. Per una rissa sono intervenuti i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia. Sette persone coinvolte, di cui un minorenne. Uno di loro è stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale di Careggi per un ematoma cerebrale e operato nella notte

Rissa, alle 3.00 di notte, all’interno del parcheggio del Vintage di Figline. Sette persone coinvolte di cui uno portato d'urgenza all'ospedale di Careggi in gravi condizioni. Sul posto sono intervenuti i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia figlinese che hanno arrestato sei di loro per rissa aggravata in concorso. I protagonisti sono tre albanesi, di 24, 22 e 21 anni, tre rumeni, di 32, 30 e 20 anni, e un greco invece minorenne. Sono residenti tutti in Valdarno tra Cavriglia, San Giovanni, Figline e Reggello.

I fatti risalgono alle 3.00 della scorsa notte quando nel parcheggio davanti al Vintage scoppia la rissa tra i due gruppi sembra per futili motivi. A dare vita alla lite furibonda sembra essere stato il minorenne che faceva parte del gruppo degli albanesi. Dalle parole i protagonisti sono passati ai fatti: botte, calci e pugni. I tre amici rumeni hanno cercato di fuggire ma a uno di loro è stata spenta una sigaretta sul collo, un altro è stato colpito alla testa con uno sgabello di dieci chili.

Ferito a una gamba con una bottiglia rotta anche il buttafuori del locale. I carabinieri sono giunti subito sul posto per mettere fina alla rissa. Due dei tre albanesi hanno tentato la fuga: uno è stato ritrovato a Cavriglia, l'altro a Firenze Sud.

I carabinieri della compagnia di Figline stanno accertando, adesso, se vi fossero altre persone coinvolte nella rissa. Sei dei sette partecipanti sono stati arrestati un flagranza di reato per rissa aggravata e accompagnati nel carcere fiorentino di Sollicciano ad eccezione del minore che è stato affidato ai genitori. Il processo per direttissima si terrà lunedì in Tribunale a Firenze.

Il rumeno ferito, invece, prima è stato portato al pronto soccorso del Serristori poi all'ospedale di Careggi dove è stato operato per un ematoma cerebrale. Si trova in prognosi riservata.

 

Articoli correlati