20, Luglio, 2024

(Ri)tocchi di classe: parenti, amici dei bambini e volontari insieme per risistemare la scuola

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Il progetto è stato elaborato dal comune di San Giovanni con il contributo dei dirigenti scolastici degli istituti comprensivi Masaccio e Marconi. I lavori comprenderanno manutenzione delle aree verdi, tinteggiature di cancelli e recinzioni, verniciatura di giochi e arredi esterni alla scuola

Il progetto si chiama "(Ri)tocchi di classe" ed è stato eleborato dall'assessorato alla pubblica istruzione del comune di San Giovanni con il contributo dei dirigenti scolastici degli istituti comprensivi Marconi e Masaccio. Lo scopo è quello di coinvolgere i genitori dei bambini e i cittadini nella vita della scuola e nel suo andamento.

Genitori, parenti e volontari in genere, dunque, sotto la guida delle scuole e del comune, possono proporre piccoli interventi e realizzarli: nella parte esterna e interna dei plessi e nelle aree verdi. L'obiettivo è quello di stimolare il senso di cooperazione e di impegno civico negli adulti e di trasformarlo in un esempio per i più piccoli.

Il Comune di San Giovanni per questo ha deciso di istituire un “registro” dove potersi iscrivere e, grazie alla collaborazione dei servizi tecnici del comune, ottenere il materiale per i piccoli lavori, una guida, un calendario di interventi e cominciare subito a fare qualcosa per migliorare l’ambiente della comunità.

Per le aree verdi gli interventi possono comprendere la pulizia, la raccolta foglie nel giardino, con relativo smaltimento dei rifiuti prodotti, la lavorazione del terreno ed eventuali concimazioni, attività di cura e sistemazione delle aiuole, dei cespugli e delle siepi che non necessitino dell’utilizzo della scala, annaffiatura e quant'altro necessario alla tutela, cura e manutenzione, da definire in funzione alle caratteristiche e alla tipologia dell'area verde. Poi le tinteggiature e le riprese alle tinteggiature di cancelli e recinzioni, la carteggiatura e la verniciatura di giochi ed arredi esterni, la creazione di orti scolastici destinati alla sola coltivazione di ortaggi, piccoli frutti, fiori ed erbe aromatiche.

Nei locali interni, invece, è possibile effettuare tinteggiature e riprese alle tinteggiature, interventi di pulizia straordinaria che non prevedano l’uso di mezzi meccanici e/o elettrici, piccoli interventi di riparazione che non richiedano certificazioni specifiche e una particolare specializzazione dell’esecutore e siano eseguibili esclusivamente con attrezzature manuali di tipo hobbistico.

I volontari saranno assicurati e scelti in base alle competenze e alle proposte e indirizzate verso quegli interventi che saranno compatibili con la natura volontaria del progetto. Tutte le informazioni, le schede per aderire, sono disponibili sul sito dell’amministrazione.

"(Ri)tocchi di classe è un progetto al quale abbiamo creduto molto e su cui abbiamo voluto investire – ha dichiarato l’Assessore alla pubblica Istruzione Barbara Fabbri – Questo anche in virtù dei suggerimenti che nel tempo ci sono giunti dal mondo della scuola e dalle famiglie. Il progetto rappresenta un modo per promuovere e valorizzare il senso di comunità e la partecipazione attiva dei nostri cittadini a rendere la scuola un luogo più accogliente e, perché no, più bello".

"La scuola è ben contenta – spiega la preside del comprensivo “Marconi” Stefania Agresti – di collaborare a questo progetto perchè le necessità di un ambiente frequentata dai ragazzi sono molteplici e il coinvolgere le famiglie ha un grande valore educativo”.

“L'iniziativa è interessante – commenta la vicepreside del “Masaccio” Elisabetta Palagi – con la scuola che si aprirà alla cittadinanza, sperando che la cosa crei ricadute positive in termini di senso di appartenenza e responsabilità dei ragazzi”.

 

Articoli correlati