18, Agosto, 2022

Il Comune rinnova l’adesione alla reste antidiscriminazione Ready

Più lette

In Vetrina

Si rinnova l’adesione alla Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identit di genere.

Terranuova conferma l'adesione a Ready, la rete contro le discriminazioni di genere e per orientamento sessuale. Dal 2015, anno della prima adesione, l'amministrazione comunale porta avanti un'azione di sensibilizzazione a tutela dei diritti di tutti. Nell'ultimo anno è risultata importante la collaborazione con Chimera Arcobaleno Arcigay, associazione provinciale molto rilevante per queste tematiche. 
 
L’assessore Barbuti: “Siamo convinti che sia sempre più urgente diffondere serie politiche di inclusione sociale” – “Già dal 2015 il nostro Comune aderisce alla Rete READY: Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, una rete in cui gli Enti Locali condividono buone prassi finalizzate alla tutela dei diritti umani delle persone LGBTI+ e alla
promozione di una cultura del rispetto e della valorizzazione delle differenze”. Così l’assessora alle pari opportunità, Caterina Barbuti annuncia la firma con cui il Comune di Terranuova riconferma l’adesione alla Rete RE.A.DY. 
 
RE.A.DY costituisce per le Pubbliche Amministrazioni regionali e locali l’opportunità di uno spazio non ideologico di incontro e interscambio di esperienze e buone prassi finalizzate al riconoscimento e alla promozione dei Diritti Umani delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, transgender (LGBT). “Una scelta che rientra nel percorso di tutela dei diritti e sensibilizzazione che la nostra amministrazione
da sempre promuove – ha commentato il Sindaco, Sergio Chienni. Ancora oggi in Italia, e ne sono purtroppo testimoni i recenti fatti di cronaca, molte persone sono vittime di discriminazioni non solo sociali, ma a volte anche lavorative e addirittura familiari. Attraverso questo gesto vogliamo doverosamente contribuire ad una comunità solidale e creare un clima sociale basato sul rispetto”.
 

Articoli correlati