01, Ottobre, 2022

Più di trecento telefonate alla Asl 10 dopo l’appello per il caso di meningite allo Yab

Più lette

In Vetrina

Nell’arco di un solo giorno sono già trecento i giovani che, essendo stati allo Yab lo scorso 31 gennaio, hanno contattato la Asl dopo l’appello per la prevenzione della diffusione di meningite. C’è tempo fino al 15 febbraio per la profilassi

Oltre 300 telefonate, alcune anche da fuori Toscana, sono giunte ai numeri del servizio di igiene e sanità pubblica dell’Azienda sanitaria di Firenze nelle prime 24 ore da quando è stato diramato l’appello a tutti coloro che, nella notte fra il 31 gennaio ed il 1 febbraio, sono stati a ballare alla discoteca Yab di via Sassetti a Firenze.

In discoteca quella sera, fra mezzanotte e le quattro, era presente infatti un ragazzo di 18 anni di Cascina che oggi è ricoverato in rianimazione all’ospedale Cisanello di Pisa per un’infezione da meningococco.

Secondo la stima dei titolari del locale, contattati dai medici della prevenzione, sarebbero tra 500 e 600 le persone che quella notte hanno frequentato lo Yab. Centralino ancora aperto, dunque, per chi non avesse ancora chiamato: l'Azienda sanitaria di Firenze ha messo a disposizione i numeri 055.6933753 – 055.6933765 – 055.6933555  e il cellulare di reperibilità medica 329.6507714  per dare indicazione a chi si sia trovato lì in quelle ore. L'invito è a recarsi dal proprio medico ed effettuare la profilassi prevista in questi casi: un antibiotico.

Tra le telefonate, domande di ogni tipo: dalla richiesta di spiegazioni circa la veridicità del comunicato stampa, la conferma della data di accesso alla discoteca, le modalità di diffusione della malattia ed i suoi sintomi. A tutti sono state fornite informazioni sulla opportunità di effettuare la profilassi e con quali modalità, compresi i soggetti già vaccinati per qualche ceppo di meningococco, notizie su farmaci disponibili, posologia, controindicazioni ed effetti collaterali. Molti hanno chiesto di conoscere il ceppo di meningococco, dato al momento ancora non disponibile.

Secondo le indicazioni internazionali (CDC) sulla utilità della profilassi e le modalità di somministrazione, il termine ultimo di effettuazione per chi fosse stato quella sera in discoteca è domenica 15 febbraio.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati