16, Agosto, 2022

Percorso Comune Lorese: “A un anno dai gravi danni provocati dal vento, necessario un piano di messa in sicurezza”

Più lette

In Vetrina

La lista di opposizione di Loro Ciuffenna ha preparato un’interpellanza al sindaco Botti in qualità anche di Presidente dell’Unione del Pratomagno. A un anno di distanza dai problemi causati dal forte evento del 5 marzo 2015, il documento chiede un progetto a lungo termine che coinvolga le istituzioni e le società che gestiscono i servizi primari di luce e acqua

A un anno di distanza dai danni e disagi causati in Valdarno dagli eventi atmosferici e dal vento del 5 marzo, la lista Percorso Comune Lorese ha presentato un’interpellanza per chiedere un progetto di messa in sicurezza dei territori. Il documento è stato protocollato sabato e indirizzato al sindaco di Loro Ciuffenna Moreno Botti, in qualità anche di Presidente dell’Unione dei Comuni del Pratomagno.
 
Le zone più colpite furono soprattutto quelle del comune di Loro, Castelfranco e Reggello, con mancanza di corrente elettrica, acqua e telefonia fissa anche per alcuni giorni consecutivi, oltre a problemi di viabilità per caduta alberi soprattutto nelle aree montane. Danni che ammontarono a milioni di euro e portarono il Governatore della Regione Enrico Rossi a firmare lo stato d’emergenza.
 
“Tuttavia quanto successo ha messo in evidenza l’insufficiente manutenzione che i comuni valdarnesi, Enel, Telecom e Publiacqua applicano sul nostro territorio”, si legge nelle premesse dell’interpellanza. “Crediamo fermamente che i grossi disagi subiti dalla popolazione, rimasta anche giorni senza elettricità, telefono e acqua, e con molte strade bloccate dalla caduta di alberi, sarebbe potuta essere minore se, i vari enti preposti e le aziende sopracitate avessero effettuato un’adeguata manutenzione del territorio”.
 
L’interpellanza, sottoscritta dal capogruppo della lista Marco Parolai, sottolinea come “nelle frazioni montane loresi, i fili del telefono in molti casi ciondolano dai pali, a volte toccando terra, e molti alberi bordo strada sono evidentemente pericolosi per la circolazione: infatti ne sono caduti a decine. Sulla Sette Ponti le cose non sono molto diverse, lo dimostra il danneggiamento di molte centraline elettriche nel tratto tra Loro Ciuffenna e Castelfranco”.
 
La richiesta al primo cittadino Botti è quella di farsi promotore di un tavolo di lavoro con gli altri sindaci dell’Unione dei Comuni del Pratomagno e le azione che gestiscono i servizi primari “per studiare un piano a medio e lungo termine di messa in sicurezza reale delle aree boschive, specialmente in prossimità di vie di comunicazione, e che imponga lo stesso alle suddette aziende per quanto riguarda le loro competenze con un ammodernamento e la messa in sicurezza di centraline elettriche, cavi telefonici”.

 

Articoli correlati