21, Luglio, 2024

Olimpiadi nazionali ‘Asso della grammatica’: arrivati terzi i ragazzi della Leonardo da Vinci

Articoli correlati

In Vetrina

Più lette

In Vetrina

Cinque ragazzi della III D della scuola media Leonardo da Vinci hanno raggiunto il terzo posto nazionale nelle olimpiadi nazionali della grammatica. Il sindaco Mugnai e l’assessore Chiosi li hanno incontrati

Terzi classificati nel concorso nazionale 'Asso della grammatica': Vincenzo, Qiqi, Sara, Nazir e Matteo, della III D della scuola media Leonardo da Vinci di Figline hanno raggiunto un importante obiettivo.

Il sindaco Giulia Mugnai e l'assessore Mattia Chiosi li hanno incontrati per farsi raccontare la bella esperienza e donare loro un testo sulla storia di Dante, Petrarca e Farinata degli Uberti.

“Con questi ragazzi abbiamo trascorso un’ora davvero piacevole e per certi aspetti anche commovente – hanno spiegato sindaca e assessore – Questa loro esperienza è andata oltre il podio del concorso, oltre la grammatica, oltre la scuola: per loro, a volte considerati di livello scolastico scarso, si è trattato di un riscatto, di un qualcosa di cui andare veramente orgogliosi. E noi lo siamo con loro: per questo li abbiamo invitati insieme ai loro compagni a raccontare questa bella storia in consiglio comunale”.

I ragazzi della III D della scuola “Da Vinci” di Figline hanno ottenuto il terzo posto alle finali nazionali di Catania, dopo essersi laureati campioni provinciali battendo una scuola di Fiesole e poi campioni regionali contro una scuola di Massa Carrara.

"Un successo su cui si sono accesi i riflettori delle cronache nazionali anche per la composizione della “squadra”: insieme a tre studenti italiani vi sono una cinese ed un italo-nigeriano, una multiculturalità che si ritrova ampiamente nella stessa classe, dove su 15 studenti ben 8 sono stranieri".

“Questo è un bell’esempio di integrazione – hanno commentato sindaca e assessore – merito soprattutto delle insegnanti, prime tra tutte la professoressa Annalisa De Lucia e la dirigente Lucia Maddii, che hanno supportato questi ragazzi ben oltre la didattica”.

 

Articoli correlati