01, Luglio, 2022

Mugnai chiude i giardini pubblici comunali. “Necessario per scongiurare assembramenti e contagi”

Più lette

In Vetrina

Da oggi, con ordinanza della Sindaca, chiudono i giardini comunali a Figline e Incisa. La decisione è legata alla maggiore incidenza che le varianti del virus hanno sugli under 14. L’appello di Giulia Mugnai: “Servono prudenza e responsabilità”

Da oggi, 10 marzo, e fino al 24 marzo, rimarranno chiusi tutti i giardini pubblici di Figline e Incisa, per contenere la diffusione del Covid19 e, in particolare, delle sue varianti. Lo ha deciso la sindaca Giulia Mugnai che ha firmato l'apposita ordinanza. 

“Si tratta di una misura precauzionale integrativa rispetto alle prescrizioni nazionali – spiega Mugnai – dovuta alla maggiore incidenza che le varianti del virus ha sugli under 14, che corrisponde alla fascia d’età che frequenta maggiormente parchi e giardini in orario extrascolastico. Chiudendo le aree verdi, infatti, puntiamo a ridurre le occasioni di assembramento per chi, fuori dalle aule, tende a non rispettare il distanziamento fisico e rischia poi di contagiare i propri coetanei, in orario scolastico".

"Sebbene le varianti non risultino particolarmente aggressive per quella specifica fascia d’età, infatti – prosegue la prima cittadina – il rischio è di innescare una catena di contagio familiare, con conseguente aumento di casi sul territorio e rischio di interruzione della didattica in presenza. Chiudere le aree verdi, quindi, è un modo per cercare di tenere sotto controllo la curva dei contagi sul territorio comunale ed evitare la chiusura delle nostre scuole".

Mugnai annuncia anche controlli più stringenti: "Come Amministrazione comunale stiamo lavorando su due ulteriori fronti: il primo riguarda i controlli sul territorio, già intensificati dalla Polizia municipale che, nei prossimi giorni, incontrerà anche la Compagnia locale dei Carabinieri per coordinare le operazioni; il secondo riguarda il continuo confronto con le società e le associazioni sportive di Figline e Incisa, che sin dalla ripresa delle loro attività le stanno portando avanti in sicurezza e con le quali stiamo valutando eventuali ulteriori passi da compiere in tal senso, in concomitanza con l’escalation dei contagi sul territorio". 

"Viste le restrizioni con cui dobbiamo già convivere, non saremmo voluti arrivare alla chiusura di parchi e giardini, perché rappresentano un luogo importante di vivibilità – conclude la Sindaca – ma in questi giorni stiamo registrando un minore rispetto delle regole che, quindi, ci costringe a misure più drastiche. L’emergenza sanitaria non è ancora terminata: serve prudenza e serve responsabilità, perché la curva dei contagi cresce giorno dopo giorno, anche a Figline e Incisa, e al momento la nostra priorità è mantenere aperte le scuole”.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati