27, Novembre, 2021

Intitolata a Salvatore Carnevale la sede della Cgil in via Roma a Montevarchi

spot_img

Più lette

Si è tenuta ieri la cerimonia di intitolazione della sede della Cgil di Montevarchi a Salvatore Carnevale, sindacalista che a soli 31 anni fu ucciso in Sicilia dalla mafia, ma che per due anni aveva trovato proprio a Montevarchi il luogo di vita e di lavoro. La proposta di intitolargli una piazza o un luogo pubblico era partita alcuni mesi fa, in occasione dell’anniversario dell’assassinio, dall’Associazione Sandro Pertini e dalla Fondazione Fratelli Rosselli, poi accolta dal sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini e subito dopo fatta propria dalla Cgil e dallo Spi della provincia di Arezzo, che hanno individuato proprio nella sede della Camera del lavoro di Montevarchi il luogo più significativo per ricordare Salvatore Carnevale.

Il sindacalista Salvatore Carnevale fu ospite per due anni di dirigenti socialisti di Montevarchi dopo una condanna che gli era stata inflitta nel 1951 per la sua attività di dirigente Cgil. Attività che poi riprese nella sua Sicilia dirigendo la Camera del lavoro di Sciara, paese in provincia di Palermo, dove fu assassinato il 16 maggio 1955, dopo essere riuscito ad ottenere le paghe arretrate per i cavatori e il rispetto della giornata lavorativa di 8 ore.

Presenti ieri all’inaugurazione Alessandro Mugnai, Segretario provinciale Cgil, che ha sottolineato come “La scelta di dedicare la Camera del lavoro di Montevarchi a Carnevale è coerente con il nostro impegno per la legalità e contro le infiltrazioni criminali”; accanto a lui Valdo Spini, Presidente del Circolo Fratelli Rosselli; i sindaci di Montevarchi e di Sciara, Silvia Chiassai Martini e Roberto Baragona; Giancarlo Gambineri, Segretario provinciale Spi Cgil; Mario Ridulfo, Segretario provinciale della Cgil di Palermo e Laura di Martino, Segretaria Cgil della zona di Termini Imerese.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati