27, Giugno, 2022

Modifica allo Statuto, interviene Ghezzi (FI): “Atto dovuto per poter riorganizzare i settori Urbanistica e Lavori pubblici”

Più lette

In Vetrina

Il capogruppo di Forza Italia interviene nel dibattito politico nato per una modifica urgente allo Statuto comunale di Montevarchi

Anche Mario Ghezzi, consigliere di Forza Italia a Montevarchi, interviene nel dibattito sulla modifica statutaria passata all'ultima seduta, che ha scatenato le polemiche delle opposizioni. "Non sono bastate le sceneggiate in Consiglio, leggo di prese di posizione dei Capigruppo di minoranza contro il Sindaco e la Giunta, piene di falsità. La modifica statutaria, che tanto ha sconvolto i Consiglieri, è un atto dovuto, un adeguamento ai termini di legge per le assunzioni a tempo determinato di figure dirigenziali, a seguito di una sentenza della Corte di Cassazione del 2015 che avrebbero dovuto già conoscere l’ex sindaco Grasso la ex vice-sindaco Bertini, avendo provveduto ad una nomina simile durante il loro mandato senza adeguare lo Statuto".

"Siamo di fronte al paradosso – continua Ghezzi – coloro che hanno agito non in regola accusano coloro che rispettano le regole. La motivazione per l’adeguamento statutario è scaturita dalla richiesta del Dirigente all’Urbanistica che ha portato alla decisione di riorganizzare celermente tutta l’area tecnica, e alla revoca del bando per l’affidamento di incarico professionale per la redazione del piano operativo relativo al nuovo piano strutturale. Il Dirigente fa riferimento alla mole di lavoro da sostenere anche per i recenti eventi nazionali che impongono ai Comuni una maggiore attenzione sulla sicurezza degli immobili e sulle infrastrutture a cui aggiungere il grande impegno per Montevarchi di adeguare gli strumenti di programmazione e di pianificazione urbanistica".

Per questo motivo lo stesso Dirigente, nella sua relazione, ha richiesto la suddivisione dei settori “Urbanistica” e “Lavori pubblici”, come era in passato, con due figure dirigenziali distinte, anche a carattere temporaneo. "Una condizione complessa dell’area tecnica – commenta il consigliere di Forza Italia – dovuta sopratutto alle numerose criticità accumulate negli anni per la grave trascuratezza di manutenzione e di intervento al patrimonio pubblico che l’attuale amministrazione comunale sta affrontando: scuole, stadio Brilli Peri, impianti sportivi, strade, cimiteri, illuminazione pubblica, senza contare la messa in sicurezza idraulica del territorio con accordi sulle casse di espansione fermi da venti anni". 

"Siamo stupefatti – conclude Ghezzi – che ex amministratori del Comune, e anche chi si candidava ad amministrarlo, non sappiano che la figura apicale da reperire non è un reclutamento a carattere fiduciario, ma un dirigente che sarà assunto a tempo determinato per la durata del mandato del Sindaco, tramite selezione pubblica, come prevede la normativa. Un passaggio che manterrà tutto il lavoro svolto dentro la macchina amministrativa comunale. Purtroppo siamo di fronte a un’opposizione allo sbando, in grado solo di alzare la voce,  spesso priva di argomentazioni politiche e che tira in ballo la correttezza del lavoro dei dipendenti per la consegna dei documenti avvenuta nei termini previsti. Il dilettantismo e l’inadeguatezza amministrativa non si superano con l’esperienza tanto millantata". 

 

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati