03, Luglio, 2022

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

IL SONDAGGIO DI VPOST

Dove vorresti fosse organizzato il mercato settimanale del tuo comune?

Le radici di Figline e del Valdarno riportate alla luce dagli scavi archeologici: reperti in mostra al Pretorio

Più lette

In Vetrina

Il 7 ottobre sarà aperta la seconda parte dell’esposizione “Tracce di Archeologia invisibile nel Valdarno superiore”, con i reperti etruschi dello scavo della Rotta a Figline e non solo. L’ambizioso obiettivo è di creare, in futuro, un Museo del Territorio

Riscoprire le radici storiche del Valdarno e di Figline e farle conoscere ai cittadini, attraverso i numerosi reperti che sono venuti alla luce, negli ultimi venti anni, dallo scavo archeologico della Rotta e non solo. È questo l'obbiettivo di “Tracce di Archeologia invisibile nel Valdarno superiore”, un percorso costruito per avvicinare il visitatore all’archeologia, che domenica 7 ottobre entrerà nella sua seconda fase con l'inaugurazione, alle 17,30 al Palazzo Pretorio di Figline, della mostra espositiva. Taglio del nastro alla presenza della Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio e grazie alla collaborazione di Comune, ArcheoClub Valdarno Superiore, Le Ceramiche e Banca BCC.

Se nella prima fase della mostra, che era dedicata principalmente agli scavi della Rotta e allestita da maggio, erano esposte riproduzioni di reperti e pannelli realizzati da adulti e bambini durante vari laboratori sul territorio, questa volta, invece, in vetrina ci saranno vasi e manufatti vari, tra cui strumenti preistorici, ceramiche e decorazioni etrusche e romane, oggetti di uso quotidiano: tutto materiale, anche di particolare interesse, che oggi è custodito nella sede dell’ArcheoClub Valdarno e che, dopo 20 anni, sarà per la prima volta a disposizione del pubblico, corredato di pannellature esplicative in più lingue. Come sempre, l’ingresso sarà gratuito.

 

“Scoprire un sito archeologico sul proprio territorio è sempre motivo di sorpresa e di orgoglio – ha detto l’assessore alla Cultura, Lorenzo Tilli – non tutti sanno che quest’anno ricorrono i 20 anni dall'apertura degli scavi della Rotta, e che lì sono stati ritrovati oggetti di uso quotidiano, maioliche, ceramiche e reperti di vario tipo. Da qui l’idea, messa a punto e realizzata insieme all’associazione ArcheoClub Valdarno Superiore, di comprendere l’archeologia in generale e i ritrovamenti locali in particolare, attraverso una ‘mostra a due fasi’ a cui invitiamo tutti i cittadini”.

"Una esposizione di grande pregio – ha aggiunto Spartaco Sottili, di ArcheoClub – che comprenderà non soltanto i reperti della Rotta ma anche altri ritrovamenti avvenuti in Valdarno. Con l'obbiettivo che tutto questo finisca, in un futuro che ci auguriamo abbastanza prossimo, in un vero e proprio Museo del Territorio". 

 

 

Le aperture sono nel weekend e nei festivi, con possibilità di prenotazione in altri giorni per visite di scuole e gruppi. Info su www.fiv-eventi.it.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati