26, Settembre, 2022

“La disabilità è solo negli occhi di chi ci guarda”: Delfosub onlus incontra i ragazzi del Giovanni da San Giovanni

Più lette

In Vetrina

Stefano Tassi e Gianni Salvini insieme a Maurizio e Giusy hanno incontrato i ragazzi dell’indirizzo scienze umane dell’istituto Giovanni da San Giovanni. Presentato il video realizzato a Sharm el Sheikh

"Quello che fa male è leggere il senso della diversità negli occhi di chi ci guarda. Ci sono ancora genitori che portano via i bambini quando si avvicinano a noi. Ma noi non ci sentiamo affatto diversi. Guardiamo solo la realtà da un'altra prospettiva". Così Maurizio e Giusy hanno raccontato ai ragazzi del liceo delle scienze umane dell'istituto magistrale Giovanni da San Giovanni, la propria storia. Un messaggio importante è arrivato da entrambi quello, cioè, di non arrendersi mai davanti ai problemi e soprattutto che non esistono barriere o disabilità se non quelle create mentalmente da chi ha paura della diversità.

Maurizio e Giusy fanno parte di Delfosub Club onlus di Montevarchi, l'associazione nata nel 1999 con lo scopo di avvicinare all'attività subacquee sia persone normodotate sia portatori di handicap. Anche quest'anno, come accade dal 1998, Stefano Tassi, presidente di Delfosub e Gianni Salvini, hanno organizzato il viaggio a Sharm el Sheikh: tante immersioni  con escursione al relitto della Thistlegorm affondata nel 1942.

"In acqua non esistono barriere nè paure". E nel corso della mattina Stefano Tassi ha fatto vedere agli studenti il video delle attività sil Mar Rosso.

 

Giusy e Maurizio, su una sedia a rotelle rispettivamente per una malattia e per un incidente stradale, sono l'esempio concreto di quanto sia possibile vivere a pieno la propria vita anche dopo situazioni drammatiche. In realtà per loro i veri problemi non vengono affatto dalle proprie paure o difficoltà bensì dagli altri: da chi li lascia soli e da chi ha paura della diversità e magari ne è atterrito. La loro storia:
 

Stefano Tassi, presidente di Delfosub Club onlus, poi, ha raccontato le tante battaglie portate avanti e le esperienze fatte.
 

In acqua Maurizio e Giusy non hanno paura, anzi si liberano di tanti problemi. E dopo il loro racconto e le varie domande i ragazzi hanno applaudito il coraggio e l'impegno con i quali oggi vivono a testa alta la propria vita diventando un esempio per molti.

Articoli correlati