27, Settembre, 2022

ISIS Valdarno: apertura degli spazi “Future Labs”

Più lette

In Vetrina

Inaugurazione degli innovativi spazi “Future Labs”. Innovativa didattica per docenti e studenti dell’ISIS Valdarno.

L'inaugurazione dei "Future Labs" per ISIS Valdarno è avvenuta questa mattina all'ITT Ferraris di San Giovanni in presenza del dirigente scolastico Lorenzo Pierazzi, di Giovanni Biondi, Presidente di Indire, di Roberto Curtolo in rappresentanza del dirigente dell'ufficio scolastico regionale, di Pierpaolo Infante rappresentante a livello regionale per quanto riguarda il piano nazionale di scuola digitale. Si tratta di due aule per un totale di quattro spazi innovativi dedicati ad una didattica nuova e dinamica .

Il totale dei quattro spazi ha una divisione funzionale alle attività da svolgere – Pierazzi spiega: "In ordine abbiamo l'aula  Investigate dove vengono potenziale le attività didattiche, l'aula Create per la realizzazione vera e propria del lavoro e dove poterlo testare una volta creato, l'aula Present dove il progetto finito viene presentato sottoforma di conferenza e l'aula Exchange per la condivisone finale." 

Pierpaolo Infante: "L'idea è quella di aprire i Lab a livello regionale e nazionale; spingere gli altri a venire qui e provare. Spingere i ragazzi a creare all'interno di questi spazi le loro nuove competenze da spendere al di fuori abituandosi a spazi e metodi flessibili in funzione dello smart working". 

La progettazione e realizzazione non sono state immediate: "L'obiettivo raggiunto ha dimostrato un progetto di lavoro in sinergia che è quello che con questi spazi vogliamo riuscire a divulgare – afferma Roberto Curtolo –  Lo spazio di lavoro cambia il modo di lavorare ma cambia anche quello che propongo e come lo propongo. Avere degli spazi alternativi di interazione tra studenti e docente è sicuramente più stimolante. La diversa gestione dello spazio cambierà il modo di lavorare dei docenti e delle classi."

"Questo è quello che si intende per  -quando lo spazio insegna " continua Biondi– " quando gli alunni entrano in uno spazio del genere subito cercano la cattedra e questo è indice di un  modello che richiede uno spazio diverso. Un lavoro tradizionale in questo spazio non è funzionale. Un ambiente del genere adegua un determinato comportamento ." La parte fondamentale è portare i ragazzi a  sviluppare competenze e epr fare questo c'è bisogno di un ambiente coinvolgente dove si crea e non soltanto si ascolta. 

 

Articoli correlati