09, Agosto, 2022

Il trapianto di midollo osseo può salvare una vita. Il caso di una mamma valdarnese

Più lette

In Vetrina

Giovedì 26 luglio a Ponticino, nel comune di Laterina Pergine, si terrà un’iniziativa per trovare un possibile donatore e sensibilizzare i cittadini

Un'iniziativa per trovare una persona disponibile e compatibile per un trapianto di midollo osseo ma anche per sensibilizzare ancora sull'importanza della donazione. Al centro dell'incontro che si terrà giovedì 26 luglio alle 17.00 nei locali della parrocchia di Ponticino, nel comune di Laterina Pergine, organizzato in collaborazione di Admo, l'associazione donatori midollo osseo, c'è la storia di una giovane mamma valdarnese.

Quasi un anno fa alla donna è stata diagnosticata una forma di leucemia:  a febbraio sembrava che le sue condizioni stessero migliorando ma dopo tre mesi, invece, ha avuto una ricaduta.  Attualmente è in attesa di un donatore di midollo osseo. Il trapianto, infatti, è l'unica strada per guarire.

Nell'incontro che si terrà giovedì pomeriggio, quindi, sono invitati tutti coloro che intendono aiutare la giovane mamma ma anche tutte le altre persone in attesa di trapianto di midollo osseo. Chi si renderà disponibile sarà sottoposto a una semplice tipizzazione, ovverosia un tampone salivare per poter accertare la compatibilità.

Tra i requisiti necessari: età tra i 18 e i 35 anni, buona salute e peso corporeo superiore ai 50 kg.

La donazione, in questo caso di midollo osseo, è un passo importante per la vita di tante persone: riesce a salvarla e a migliorarla.

Articoli correlati