29, Settembre, 2022

Ferragosto, supermercati aperti a macchia di leopardo. E la Filcams Cgil Toscana proclama sciopero nella grande distribuzione

Più lette

In Vetrina

Saranno aperti anche in Valdarno, alcuni punti vendita della grande distribuzione e discount, nel giorno di Ferragosto. Rimarranno chiusi i punti Unicoop, che ha inserito il 15 agosto nelle giornate di chiusura, ma si lavorerà ad esempio nei discount, come quelli della catena Lidl o Penny Market, aperti con orario festivo, e in altri punti di media e grande distribuzione delle maggiori catene presenti nei comuni del Valdarno.

Per questo la Filcams Cgil, che da tempo porta avanti una battaglia per le chiusure dei supermercati nelle festività, ha proclamato uno sciopero. “Ancora una volta, le lavoratrici e i lavoratori della grande distribuzione saranno chiamati a lavorare per Ferragosto, giorno che dovrebbe essere dedicato alla famiglia, agli amici, allo svago. Purtroppo si continua a tenere aperti i punti vendita, ormai in tutte le festività, sia civili che religiose, costringendo molte persone a rinunciare ai propri affetti”.

“Una decisione irrispettosa – continua la Filcams Cgil Toscana – che continua a sviluppare una cultura del consumo a scapito della conciliazione dei tempi di vita e della socialità, con effetti negativi soprattutto per le categorie più deboli, in un settore rappresentato soprattutto da donne. Le aperture domenicali e festive del commercio vanno regolamentate. Chiudere nelle giornate festive è un segno di civiltà. La Filcams Cgil della Toscana è da sempre contraria alle aperture dei negozi per le festività civili e religiose e alle domeniche. Bisogna necessariamente pensare ad un consumo più sostenibile e responsabile, per il bene di tutti”.

“Per questo la Filcams Cgil della Toscana proclama astensione e sciopero dal lavoro per l’intera giornata del 15 agosto 2022. Sottolineando quanto molte sentenze hanno sancito: il lavoro nelle festività civili e religiose non è un obbligo. Il lavoratore non può essere comandato al lavoro senza il proprio consenso”, conclude la nota del sindacato.

Glenda Venturini
Capo redattore

Articoli correlati