09, Agosto, 2022

Covid-19, prenotazione del vaccino: il Comune offre aiuto

Più lette

In Vetrina

Inizia gioved il nuovo servizio del Comune di San Giovanni Valdarno, attivato con la collaborazione del Progetto Cittadini attivi, della Confraternita di Misericordia di San Giovanni Valdarno, di Agesci San Giovanni Valdarno 1 e dellAvo Valdarno, per assistere chiunque abbia necessit nella pre adesione e nella registrazione al portale vaccinazioni della Regione Toscana

il Comune di San Giovanni Valdarno ha attivato, in collaborazione con il Progetto Cittadini attivi, la Confraternita di Misericordia di San Giovanni Valdarno, l’Agesci Associazione guide e scouts cattolici italiani San Giovanni Valdarno 1 e l’Avo Valdarno Associazione volontari ospedalieri, un servizio di aiuto e supporto nella prenotazione del vaccino.

Inizierà giovedì 29 aprile e i volontari saranno a disposizione tutti i martedì e giovedì dalle 15 alle 18 e il sabato mattina dalle 10 alle 12 nella Casa comunale (ingresso dal Punto Amico di via Rosai 1). Non servirà richiedere l’appuntamento.

“Il nostro intento – commenta il sindaco di San Giovanni Valdarno Valentina Vadi – è quello di offrire un aiuto concreto a tutti coloro che abbiano bisogno di prenotare il vaccino dal portale della Regione Toscana ma che, per varie ragioni, si siano trovate in difficoltà con il sistema messo a disposizione. Purtroppo la pandemia ha accentuato anche il digital gap in un momento difficile e delicato, e chi non ha gli strumenti e le conoscenze per accedere ai sistemi digitali, si sente ancora più vulnerabile e solo. Pensiamo invece che la tecnologia debba essere al servizio di una comunità.  Per questo ringrazio di cuore le associazioni che hanno messo a disposizione i loro volontari per attivare insieme questo prezioso servizio in modo che ogni cittadino possa sentirsi tutelato e sostenuto nel percorso della prenotazione vaccinale”.

Le persone che avranno bisogno di assistenza si dovranno presentare muniti di telefonino, tessera sanitaria e esenzione in caso di registrazione di utente fragile. Dopo aver firmato la liberatoria per il trattamento dei dati personali, aver misurato la e disinfettato le mani, i cittadini potranno accomodarsi nella stanza messa a disposizione dal Comune dove i volontari li aiuteranno a compilare il form on line e prenotare il vaccino.

“E' sempre bello – aggiunge l’assessore alle politiche sociali Nadia Garuglieri – vedere  associazioni di volontari che si muovono congiuntamente per rispondere ai bisogni che emergono dalla comunità.  Questa iniziativa,  segnale di cura e di attenzione verso le persone più fragili, è una testimonianza di quel welfare civile o di comunità dove ciascun cittadino, a prescindere dal ruolo che ricopre, si sente responsabile nel perseguire il bene di tutti. Il valore aggiunto è proprio in termini di valore sociale, civico, culturale. Un grazie a tutti per aver permesso la realizzazione di questa bella iniziativa”.

 

 

 

Articoli correlati